fbpx

Kriya Yoga

kriya-yoga
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il Kriya Yoga è una scienza antica, scrive Yogananda. Mahavatar Babaji ha riscoperto e chiarito la tecnica dopo che era stata persa nel Medioevo. Babaji la rivelò a Lahiri Mahasaya: “Il Kriya Yoga che sto dando al mondo attraverso di te in questo diciannovesimo secolo è un ritorno della stessa scienza che Krishna diede, millenni fa, ad Arjuna, e che in seguito fu nota a Patanjali, a Cristo, San Giovanni, San Paolo e altri Maestri.

Le tecniche del Kriya Yoga

Le informazioni seguenti sono tratte da insegnamenti di diversi Maestri di Kriya Yoga.

Secondo gli insegnamenti di Lahiri Mahasaya sul Kriya Yoga, ci sono sette Kriya. Esistono diversi livelli di Kriya Yoga. Ogni Kriya consiste in un insieme di tecniche e non solo in una tecnica. Durante il tempo dell’iniziazione, il Maestro impartisce all’allievo il Primo Kriya (set di 6 tecniche). Il secondo, il terzo e il quarto kriya vengono dati a seconda della pratica regolare e del progresso dello studente.

 Le tecniche di Kriya Yoga superiori sono disponibili per coloro che fanno grandi sforzi sul sentiero spirituale. Solo le esperienze di meditazione personale danno significato alle pratiche di Kriya superiori.

Per essere iniziati al terzo Kriya, è richiesta una pratica stabile e a lungo termine del primo e del secondo Kriya Yoga. Non è vantaggioso ricevere il terzo Kriya troppo presto poiché potrebbe portare alla cessazione della pratica. In realtà, il modo di pensare è invertito nel terzo Kriya. Se la comprensione non è assimilata attraverso una lunga pratica, non è possibile trarre vantaggio dalla tecnica. L’esperienza del terzo Kriya implica livelli più sottili di silenzio nei chakra superiori (centri energetici).

Il quarto livello del Kriya Yoga

Il quarto Kriya è l’ingresso principale al vero Kriya Yoga  e di solito richiede anni di meditazione. La pratica stabile del primo, secondo e terzo Kriya porta il respiro a “saltare” al quarto Kriya quasi da solo. Quando ciò accade, a volte siamo pronti senza nemmeno saperlo. In ogni caso, se hai praticato per molto tempo, potresti sentire che sta accadendo qualcosa di nuovo. Uno studente che aveva meditato per diversi decenni mi ha chiamato e mi ha raccontato le sue recenti intense esperienze di silenzio. Disse che ora capiva cosa fosse veramente il Kriya e cosa significasse per lui. Stranamente, stavo pensando a lui e avevo già deciso di iniziarlo al quarto Kriya la prossima volta che ci saremmo incontrati.

Il quinto, il sesto e il settimo Kriya sono fondamentalmente diversi dalle altre tecniche. I chakra si fondono in un unico campo nello stesso momento in cui si muovono e si integrano nella realtà fisica concreta. Emerge la comprensione delle connessioni sottili. Gesù disse: “Io sono la Via, la Verità e la Vita” e Babaji disse: “Tu capisci e il tuo maestro confermerà”. È difficile elaborare queste tecniche. Aggiungerò solo che il settimo Kriya è la fine dello Yoga. Dopo questo, il Kriya è l’unico obiettivo.

L’importanza del Maestro

Questi Kriya e Mudra devono essere appresi da un Maestro e praticati di conseguenza dai suoi suggerimenti. I dettagli sono solo per tua conoscenza. Non è una buona idea imparare le tecniche dai libri di kriya yoga. Sarai l’unico responsabile delle ripercussioni se qualcosa va storto. Il Kriya Yoga si occupa del corpo astrale e si potrebbero avere esperienze a cui l’intelletto non può rispondere. Quindi, è importante avere un Guru che capisca e guidi adeguatamente il discepolo.

Kriya Yoga Mudra

Secondo Sri Yukteswar Giri nel suo libro ci sono diversi mudra praticati nel Kriya Yoga.

  • Guru Pranam – Aiuta a prendere energia dal 1° al 7° centro.
  • Kechari MudraAiuta a stabilire il Silenzio e nei kriya superiori, attiva anche il nettare dal 7°.
  • Tecnica Hong So – Ti porta al silenzio bilanciando il respiro.
  • Maha Mudra – Aiuta ad aprire Ida, Pingala e Sushumna nadi e Kundalini Shakti nei kriya yoga superiori
  • Yoni Mudra noto anche come Jyothi Mudra – Aiuta a vedere la luce interiore e a visualizzare l’occhio spirituale nei kriya superiori.
  • Brahmari – Aiuta a stabilire Pranava, il suono AUM.
  • Nabhi Kriya noto anche come Navi Kriya – Aiuta a rompere il terzo nodo o Brahma Granthi.
  • Omkara Kriya noto anche come Thokar Kriya – Diverse serie di kriya Omkara sono presenti quando ci si sposta verso kriya superiori. Aiuta ad aprire i chakra, rompere i nodi.
  • Shambavi Mudra – Aiuta a portare al Samadhi, lo stato equilibrato nei kriya superiori.

Diverse fasi del Kriya Yoga richiedono mudra differenti. Kechari Mudra, Maha Mudra e Yoni Mudra sono praticati in tutti i Kriya.

Iniziazione al Kriya Yoga

Diversi maestri di Kriya Yoga potrebbero seguire la cerimonia di iniziazione in modi diversi. Ma, secondo la tradizione di Lahiri Mahasaya Kriya Yoga, un allievo deve portare le seguenti cose:

  • Cinque frutti che sono il simbolo del corpo causale
  • Un mazzo di cinque fiori tra cui una rosa che è il simbolo del corpo astrale
  • Piccola donazione simbolica in denaro che è un simbolo del corpo fisico

L’Amore verso il Divino, la fiducia nel Maestro e la Sincerità nella pratica aiuteranno l’allievo a raggiungere uno stadio di Non-Dualità.

“AHAM BRAHMA ASMI – Io sono la Coscienza Infinita“. Questa è la risposta che si può ottenere alla fine del Viaggio nel Kriya Yoga.

Kriya Yoga Pranayama

Caratteristiche importanti del Kriya Yoga originale

Le seguenti sono le caratteristiche speciali del Kriya Yoga originale. Se questi non vengono osservati, allora si deve sapere che il Kriya che si sta praticando non è quello secondo Babaji e Lahiri Mahasaya.

  1. La tradizione originale del Kriya è Guru-Param-Para, cioè il discepolo riceve personalmente l’iniziazione al Kriya Yoga dal suo Maestro. L’iniziato impara la disciplina Kriya avendo un rapporto personale con il suo Maestro.
  2. La Tradizione Originale Kriya è libera da un modo organizzativo di insegnamento. È libera da organizzazioni.
  3. L’iniziazione al Kriya Yoga viene impartita in privato e in stretta riservatezza, personalmente e segretamente, a porte chiuse e non in pubblico o in gruppo. La procedura di iniziazione al Kriya non è né un affare pubblico né una questione di pubblico spettacolo.
  4. L’iniziato deve far controllare personalmente la sua pratica Kriya ogni sei mesi dal Maestro. Se il discepolo salta due controlli consecutivi sarà trattato come non Kriyanwita. Questa regola è stata introdotta da Lahiri Mahasay.
  5. Lahiri Mahasaya iniziò personalmente i suoi allievi su base individuale. Solo in pochi casi ha iniziato marito e moglie insieme. In una situazione del genere, se uno dei coniugi richiedeva un Kriya aggiuntivo, cosa che l’altro non faceva, allora iniziava quel Kriya separatamente.
  6. Il Kriya Yoga originale viene praticato in stretta segretezza. La pratica occasionale tra i vicini Kriyanwita, i praticanti del Kriya, è l’eccezione. La pratica del Kriya di gruppo in pubblico è proibita.
  7. Sebbene Babaji stesso sia uno Swami rinunciante, infatti, non è necessario che si debba essere rinuncianti per praticare la disciplina Kriya.

Il Kriya Yoga originale è adatto sia per i rinuncianti che per le famiglie.

Lahiri Mahasaya divenne il modello dei capofamiglia Kriyanwitas, mentre Babaji rimane il modello dei rinuncianti.

Ordine pre-inverso e ordine inverso nella disciplina del Kriya originale

Ordine di creazione

Menzioniamo all’inizio che quando il respiro diventa irrequieto dallo stato tranquillo, inizia la creazione. Nell’ordine della creazione, il suono (sabda, o il suono di Om) viene prodotto prima dallo stato senza suono (eterna tranquillità). Ora dal suono, come stato corollario in modo ordinato, si producono l’aria, poi il fuoco, l’acqua e la terra.

Dal livello vibrazionale, etereo (etere), gassoso (aria), subgassoso (fuoco), liquido (acqua) e solido (terra).

Il respiro tranquillo riposa nel settimo giorno per solidificare la creazione.

Se i centri vengono contati dalla testa, il coccigeo sarà il 7° centro.

Gen. 2: 2 “E il settimo giorno Dio terminò le sue opere che aveva fatto: e si riposò il settimo giorno da tutta la sua opera che aveva fatto“.

L’intero spettro della meditazione, indipendentemente da qualsiasi disciplina, consiste nel raggiungere la Tranquillità Eterna, nel tornare indietro nell’ordine inverso per affrancarsi dallo stato di vibrazione più basso a partire dalla terra.

Ecco perché nella percezione ordinaria della disciplina yoga i lettori trovano i riferimenti per risvegliare la Kundalini al centro coccigeo con lo spirito dell’ordine inverso.

La caratteristica segreta del Kriya Yoga originale è di non affrettarsi a risvegliare la Kundalini al centro coccigeo. Piuttosto, viene seguito un “Ordine Definito”. Questo ha due parti:

  • L’ordine pre-inverso, o il viaggio verso il basso, e
  • Il cosideetto ordine inverso o il viaggio verso l’alto.

L’ordine pre-inverso o il viaggio verso il basso

L’ordine pre-inverso, o il viaggio verso il basso, è l’aspetto più segreto del Kriya Yoga e del Raja Yoga originale. Questo ordine pre-inverso non è noto ai praticanti del Kriya Yoga modificato.

È chiamato Ordine Pre-Inverso semplicemente perché deve essere praticato prima dell’Ordine Inverso. In modo da preparare il “terreno e le fondamenta” per avvicinarsi all’Energia Kundalini alla base della spina dorsale.

Nella preparazione del viaggio pre-inverso dell’ordine, il Kriyanwit (maschio) o Kriyanwita (femmina) pratica certi mudra e Kriya definiti, che è il primo passo del Kriya; spesso Lahiri Mahasaya si riferiva a questi come al Primo Kriya.

Parlando del Primo Kriya, sarebbe pertinente chiarire qualcosa. Un malinteso sorge soprattutto nella mente di molti seguaci del Kriya Yoga modificato riguardo al riferimento in una lettera di Lahiri Mahasaya al Primo Kriya. Una delle caratteristiche speciali dell’insegnamento di Lahiri Mahasay era di mantenere segreta la pratica del Kriya; in questo modo, la dedizione e la sincerità del cercatore aumentano per aiutare a distruggere il suo ego.

A questo proposito, l’autore ha voluto mettere in chiaro la seguente lettera di Lahiri Mahasaya scritta a uno dei suoi discepoli.

Lettera numero 29 di Lahiri Mahasaya sul Kriya Yoga

Lahiri Mahasaya rispose: “Tutto (la realizzazione completa) può essere raggiunto anche dal Primo Kriya; serve solo sincerità.

“Il dopo-effetto-equilibrio del Kriya e la dipendenza sono presenti al primo Kriya. Continua a praticare il Kriya Yoga”.

“Non preoccuparti di niente. Chiunque manterrà l’attenzione sul Maestro, il Maestro manterrà la sua attenzione su quel’allievo. Se lo studente non mantiene l’attenzione, chi noterà l’attenzione del Maestro? ”

Per mantenere la segretezza, Lahiri Mahasaya ha usato “codici” precedentemente istruiti per comunicare con i suoi discepoli: per esempio, se diceva “Om mantra”, non significava semplicemente il canto di Om, o la tecnica Om, come alcuni professano. Ha un codice segreto incorporato; significava praticare il Dwadasakshari Mantra, il Mantra con dodici accenti, che richiede un’istruzione speciale data personalmente dal Maestro.

In risposta alla lettera, Lahiri Mahasaya ha menzionato il “Primo Kriya”. Non significava necessariamente e letteralmente solo il Kriya numero 1. Il riferimento del Kriya numero 1 indica il Primo Passo, o l’intero percorso che include quanto segue:

  1. Mahamudra,
  2. Talabya ​​Kriya o Khechari mudra,
  3. Navi Kriya,
  4. Kriya numero 1 e
  5. Yoni Mudra (non Jyoti mudra come alcuni professano).

Questa è la definizione del Primo Kriya secondo Lahiri Mahasaya.

È pertinente menzionare qui che la pratica del Talabya ​​Kriya, o Khechari mudra, sollevando la lingua alla testa tranquillizza l’aria e collega il cercatore con il suo eterno Maestro, lo stato cosmico di Coscienza del Kutastha, qualificandolo per essere in grado di praticare il Kriya dello Sthira bayu [Respiro Tranquillo].

Così, dopo aver avuto successo con i cinque summenzionati, in particolare il Talabya ​​Kriya o Khechari mudra, allora e solo allora il Thokar Kriya, il Kriya del Respiro Tranquillo, [Sthira bayur Kriya], il Secondo Kriya, viene istruito personalmente dal Maestro nel Kriya Yoga originale. Il Secondo Kriya, o Thokar Kriya, consiste nell’incrociare il nodo alla dorsale, o al cuore, nell’ordine pre-inverso per marciare verso il coccigeo.

Ecco perché nella tradizione Kriya originale gli Omkar Kriya non vengono introdotti finché il Kriyanwit non ha successo nel Talabya ​​Kriya, o Khechari mudra.

Chi pratica Omkar Kriya senza essere consigliato da un Maestro nella pratica del Khechari mudra e senza avere successo in questa pratica non segue né il Guru-Param-Para né la tradizione Kriya Yoga originale. Ad esempio, l’ordine pre-inverso non viene seguito nel Kriya modificato e, di conseguenza, non sorge la domanda per l’introduzione del Secondo Kriya e così via. Inutile dire che una tale pratica è vana perché il “fondamento non è stato creato” nel modo appropriato e retto.

Va sottolineato che un buon numero di persone nel Kriya Yoga Originale pratica il secondo Kriya; i terzi praticanti Kriya sono pochi, il quarto praticante Kriya è raro e il quinto praticante Kriya è molto raro. Rimangono solo un paio di Maestri (gentiluomini) capaci di insegnare l’intero Kriya Originale oggi.

Il riferimento scritturale dell’ordine pre-inverso

Il riferimento scritturale dell ‘”Ordine pre-inverso” è indicato dallo stesso Lahiri Mahasaya nel versetto seguente:

Chatuspat sakalo dharma Satyanchaiba krite yuge.

Nadharmenagama kaschinmanusyan pratibarttate. Manu Sanghita 1:81

Il verso dice: “Il Dharma è diviso in quattro fasi:

  1. Alzando la lingua
  2. Incrocio del nodo del centro dorsale
  3. Poi incrocio del nodo dell’ombelico
  4. Infine incrocio del nodo del centro coccigeo”

Questi sono i quattro gradini della liberazione“. Manu Sanghita 1:81 Commento di Lahiri Mahasaya.

Forse, tenendo presente il verso di cui sopra, Lahiri Mahasaya raggruppò (non modificò) l’intera disciplina del Kriya Yoga di centootto (108) passi del Kriya Originale in quattro passi come ricevette da Mahamuni Babaji a Dunagiri Hill, Himalaya, nel 1861. Come accennato in precedenza, il primo passo è indicato come il primo Kriya e include i cinque mudra e Kriya definiti che ha ricevuto il primo giorno in cui è stato iniziato.

A causa di questo raggruppamento in quattro fasi, Lahiri Mahasay mantenne l’insegnamento del Kriya rigorosamente Guru-param-para (rapporto personale con il Maestro e il discepolo) in conformità con la tradizione vedica. Ha dato Kriya secondo i bisogni di un Kriyanwit e ha consigliato di tenerli segreti; così ha giustificato il raggruppamento e per questo motivo, ricordando il consiglio di Babaji, ha anche avvertito di non sviluppare organizzazioni attorno agli insegnamenti del Kriya Yoga.

I praticanti del Kriya modificato sono totalmente inconsapevoli di questa “Procedura Definita” e “Ordine Definito”.

Insegnamenti di Lahiri Mahasaya, la stella polare del Kriya Yoga, in relazione all’Ordine pre-inverso.

Khechari mudra o Talabya ​​Kriya per il respiro tranquillo e irrequieto

Lahiri Mahasay ha detto: “Sembra che ci sia un’altra ugola sopra l’ugola. Quando la lingua tocca la radice della parte superiore del cranio, si avverte una sensazione di freddo.

Si ha la sensazione che la lingua si alzi perfettamente e il respiro si fermi; Io (Lahiri Baba) mi sentivo come se fossi dritto. La lingua è andata alle narici e il Vuoto dell’esterno si trova anche all’interno. Qualche segno di eterna Tranquillità è acquisito.

Quando la lingua arriva tra le sopracciglia, l’aria esterna del respiro diventa completamente tranquilla. Colui a cui è successo questo è fortunato”. Babaji Volume II, Lahiri Mahasay, p 99-101.

Ora equipaggiato con lo Sthir bayu (Respiro Tranquillo) e con le benedizioni dell’eterno Maestro, il Kriyanwit procede verso il basso, verso il centro coccigeo.

Come accennato prima, “l’ordine pre-inverso” della pratica del Kriya Yoga originale è sconosciuto ai praticanti del tradizionale pranayama vedico. Questo è infatti l’aspetto più segreto e la caratteristica unica del Kriya Originale.

Il riferimento scritturale della procedura completa:

L’ordine pre-inverso e l’ordine inverso

Lahiri Mahasaya ha spiegato ulteriormente questa “procedura definita del Kriya Yoga  originale” o “l’ordine pre-inverso e l’ordine inverso” nel seguente verso nei Sankhya Sutra del saggio Kapila:

Sarbesu prithibyupadanamasadharanyadayamupadesa purbabat. Sankhya Darsan 6: 102

L’ordine pre-inverso, il viaggio verso il basso

“Con la pratica del Kriya Yoga [i tre nodi descritti di seguito] vengono incrociati nel seguente ordine, partendo dalla gola al coccigeo:

  1. Jioha o [lingua alla gola],
  2. Hridaya, o [dorsale, al petto], e
  3. Navi o [all’ombelico].

“[Il centro coccigeo]: Allora al muladharA, o centro coccigeo, il bayu, o respiro, diventa sthira, o tranquillo. Poi accadono tutte le cose misteriose.

[Si deve qui menzionare che per ottenere sthira bayu, o respiro tranquillo, al muladhara, o centro coccigeo, bisogna prima attraversare i “tre nodi” e “in un ordine definito”; cioè, prima il jioha granthi, o lingua alla gola, secondo l’hridaya granthi, al petto, e terzo, il navi granthi, al centro lombare; solo allora lo sthira bayu, o respiro tranquillo, arriva al centro coccigeo, o muladhara.

Così tutti i panchabhuta, gli elementi, devono passare attraverso il centro coccigeo. Ecco perché il centro muladhara è così importante.

Sorprendentemente, esso (sthira bayu, o respiro tranquillo) si genera alla gola; poi scende dalla lingua o dalla gola con il suono interno (suono di Om) verso l’anahat, o centro dorsale; poi attraversandolo, si sposta al centro successivo in basso, il lombare, e attraversandolo, arriva infine al centro coccigeo. Ora il Respiro tranquillo ritorna di nuovo con il Potere Kundalini. Questo è il processo di risveglio della Kundalini nel Kriya Yoga Originale.

Chi non insegna Talabya ​​Kriya, o Khechari mudra, non insegna l’Ordine o Processo Kriya Originale.

L’ordine inverso, il viaggio verso l’alto nel Kriya Yoga originale

[Il centro sacrale]: [Durante il processo di backup, attraverso muladhar solo quando Sthira bayu, o respiro tranquillo, arriva al sadhisthan, o centro sacrale, e diventa sthira, o tranquillo. Allora quelle cose straordinarie possono essere capite.

[Il centro lombare]: Quando il bayu, o aria, diventa sthira, o tranquillo, all’ombelico, o centro lombare, allora si vedono cose misteriose.

[Il centro dorsale]: Quando il bayu, o aria, diventa sthira, o tranquillo, all’hridaya, o centro dorsale, si sentono dieci tipi di anahat sabda [suono di OM]. Per questo motivo, i saggi in passato non apprezzavano gli strumenti musicali. [Perché hanno trovato un’attrazione molto maggiore per il suono di Om, il suono interiore.

[Il centro cervicale]: Quando il bayu, o aria, diventa sthira, o tranquillo, alla gola, o al centro cervicale, quindi attraverso l’occhio divino, si vedono grandi elementi.

[Il Centro Ajna]: Quando il bayu, o aria, diventa oltre i cinque elementi, cioè diventa tattvatit [oltre i tattvas], o elementi, diventa sthira, o tranquillo, nell’area tra le sopracciglia, allora le funzioni vengono eseguite immediatamente secondo l’ajna, o ordine.

Niente di tutto ciò è possibile finché il muladhar granthi, il nodo al centro del coccige, non viene incrociato.

Da allora in poi, tutti sono realizzati rimanendo nell’atomo di Brahma che è avyakta, inspiegabile.” Riferimento Bhagavad Gita 6: 20-22.

Questo processo è Guru-param-para, cioè Gurubaktragamya, e quindi si deve imparare direttamente dalla bocca di un Maestro e non da un rappresentante di un’organizzazione.

Il viaggio verso l’alto per dissolvere gli elementi

Lahiri Mahasaya ha nuovamente menzionato l’Ordine inverso nel seguente verso in Sankhya Darsan:

Muhurttveyapi na sanghatjogantarang taranibat. Sankhya Darsan 3:13

Murta è Uttam Purusa [la Persona suprema]. Non è come spezzare la Persona suprema per essere qualcos’altro; piuttosto, è come una barca. In altre parole, un uomo può spostarsi da una barca a un’altra barca: non c’è cambiamento dell’uomo. Allo stesso modo, se il corpo cambia, non c’è cambiamento della Persona suprema. È in tutti i corpi presenti allo stesso modo.

Quando si può raggiungere questa Persona suprema? “Quando la terra o il suolo entrano nell’acqua; l’acqua entra nel fuoco; il fuoco entra nell’aria; e l’aria entra in sunya o Vuoto; allora si raggiunge la Persona suprema.

Ora, qualunque cosa tu faccia, qualunque cosa pensi, tutti sono desideri al muladhara o coccigeo; in altre parole, nel momento in cui il desiderio genera, va al centro coccigeo e si esprime attraverso i sensi.

Quando quell’aria va al sadhisthan, o centro sacrale, e diventa sthira, o tranquilla, allora buddhi, o intelligenza, diventa tranquilla; quando la buddhi diventa tranquilla, allora il guna o qualità della terra o del suolo, cioè il desiderio, non rimane più. In altre parole, quando la buddhi determina (lo so) qual è la vera sostanza, alla mente non piace andare su nessun altro oggetto; e il vagare della mente si ferma. Quando la mente non va altrove, anche il desiderio si ferma; perché è la mente che desidera.

“Pertanto, in quel momento, Sohang Brahma, ‘Che io sono Brahma’, è realizzato.” Riferimento: Bhagavad Gita 18:61.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: