fbpx

Come perdonare se stessi per gli errori del passato (8 modi)

Perdono di sè
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Condividi su telegram

La vergogna è il cancro della psiche. Ci divora lentamente, contaminando tutto ciò che sperimentiamo con il suo bagliore oscuro di odio per se stessi. E tutto deriva da una mancanza di auto-perdono.

Hai mai detto, fatto o pensato qualcosa di veramente orribile?

Hai mai:

  1. tradito qualcuno che amavi
  2. oltrepassato un limite che pensavi non avresti mai attraversato, o
  3. fatto un danno intenzionale a te stesso (o un altro)?

Se sei umano, posso garantire che dirai un sì quasi immediato.

E non preoccuparti, non sei solo. Ci siamo passati tutti a diversi livelli. Non sei un mostro, sei solo un essere umano imperfetto e ferito.

Anche se non sono qui per giustificare qualsiasi cosa tu abbia fatto (la responsabilità personale è cruciale), sono qui per essere una voce di compassione. Odiare te stesso non migliorerà nulla.

È tempo di perdonare se stessi. 

Che cos’è il perdono di sé?

L’auto-perdono è la pratica di perdonare se stessi relativamente agli errori del passato. Implica il cambiamento della tua percezione di te stesso e di ciò che è accaduto attraverso gli occhi dell’auto-compassione e comprensione di sé. Comprendendo la meccanica più profonda del perché hai fatto quello che hai fatto e tenendoti nell’abbraccio dell’amore per te stesso, puoi lasciar andare, andare avanti e sentirti di nuovo libero.

Azioni che ci fanno sentire in colpa e vergogna (esempi)

Mentre a volte possiamo sentirci ossessionati da un pensiero o un’intenzione che abbiamo coltivato segretamente (una o più volte), in generale ci sentiamo maggiormente colpiti da ciò che abbiamo fatto.

Ecco alcuni esempi di azioni che ci causano colpa e vergogna:

  • Maltrattare qualcuno (verbalmente, fisicamente o emotivamente)
  • Aborto volontario
  • Tradire il tuo partner
  • Furto
  • Ferire fisicamente una persona cara
  • Pettegolezzi e / o diffusione di voci diffamanti
  • Danneggiare la proprietà altrui

E, naturalmente, ci sono casi più estremi là fuori che vanno dalla molestia all’omicidio. (Chiaramente, questo articolo non approva tali azioni e non ti dà un bonus per uscire gratis di prigione – si concentra semplicemente sull’altro lato del viaggio: il perdono).

Il lato oscuro dell’autocondanna

È più che naturale avere un certo livello di colpa / vergogna dopo aver ferito noi stessi o qualcun altro. Senza colpa, ignoreremmo l’impatto del nostro comportamento. (E puoi immaginare come sarebbe la società se nessuno si sentisse male per quello che fa? Vivremmo in un’apocalisse non-stop).

Ma il senso di colpa e la vergogna diventano tossici quando iniziano a peggiorare dentro di noi; quando non possiamo lasciar andare ciò che abbiamo fatto o andare avanti. Immagina una pozza d’acqua stagnante: ecco come si percepisce la mancanza di perdono di sé. Non c’è crescita, nessun movimento, nessuna freschezza, nessuna vita dentro, solo lo stesso vecchio rancido fango di pensieri che odiano se stessi.

In effetti, quando portiamo colpa e vergogna tossiche, tendiamo a creare un’immagine negativa e non realistica di noi stessi nelle nostre menti. Tali oscure immagini di sé tendono tristemente a creare profezie che si auto avverano o cicli di feedback negativi.

In altre parole, se portiamo la convinzione fondamentale negativa che siamo imbroglioni senza un grammo di lealtà dentro di noi, potremmo perpetuare lo stesso comportamento nella nostra prossima relazione.

8 vantaggi del perdono di sè

Per evitare di ricadere negli stessi vecchi errori, è fondamentale imparare a perdonare se stessi. In altre parole, il perdono di sé ci dà una nuova prospettiva di vita, ci ridona la libertà di crescere, cambiare e trasformarci in modo positivo. A volte, ci ispira ad aiutare gli altri in circostanze simili che una volta abbiamo vissuto (o inflitto).

Sì, senso di colpa e vergogna sono sentimenti importanti, ma fino a un certo punto. E’ più che giusto piangere e pentirci del nostro comportamento, ma dobbiamo anche fare spazio per imparare dai nostri errori e cambiare come persone.

Ecco come il perdono di sé ci aiuta:

  • Smettiamo di bloccarci nel passato e di riviverlo all’infinito
  • Iniziamo a vivere nel momento presente
  • Abbiamo più opportunità per il futuro
  • Sviluppiamo più amore per noi stessi e comprensione
  • Possiamo perdonare più facilmente gli altri
  • Impariamo dai nostri errori e ci trasformiamo come persone
  • Abbiamo più energia e motivazione per la vita
  • Impariamo a diventare persone migliori

Come perdonare se stessi per errori passati (8 mosse)

Imparare a perdonare te stesso è un viaggio che può richiedere tempo o avvenire da un giorno all’altro. E’ davvero un processo unico e individuale e non esiste un ritmo giusto o sbagliato a cui “dovresti” muoverti.

Come te, sono imperfetto. Ho fatto cose che mi hanno fatto vergognare parecchio. Porto rimpianti. Ho un sé ombra. Ma ho anche fatto molto lavoro interiore e di guarigione che mi ha aiutato a superare i miei errori e trasformarmi come persona.

Ecco cosa ho imparato dal mio viaggio e dall’osservare / aiutare gli altri nel loro percorso di perdono di sè:

1. Comprendi che non puoi cambiare il passato

Il passato è finito, sparito, Kaput. Non puoi cambiarlo o alterarlo. Pertanto, soffermarsi ossessivamente su ciò che “si sarebbe potuto” o “si sarebbe dovuto” fare è una perdita di tempo ed energia.

Auto flagellarti non fa altro che aggiungere più odio verso te stesso – e l’odio verso se stessi è l’antitesi della crescita. Vuoi “riparare” cosa è successo? L’unico modo per farlo ora è andare avanti. L’unico modo è lasciare che i tuoi errori ti insegnino e ti trasformino come persona. L’ossessione per il passato semplicemente non può farlo. È tempo di lasciar andare.

2. Rifletti sul tuo livello di coscienza (di adesso e di allora)

Sto per dire qualcosa che sarà cruciale per te da ricordare e su cui riflettere:

Stiamo tutti facendo il meglio che possiamo in base al livello di coscienza che abbiamo nel momento.

Cosa significa esattamente? “In base al livello di coscienza che abbiamo” significa che, lungo tutta la vita, tutti noi abbiamo vari gradi di maturità mentale, emotiva e spirituale. Quando avevi 5 anni, ad esempio, avevi un livello di maturità inferiore ai 15, 25 o 55 anni.

Il te di allora non è il te di adesso. La tua vita è cambiata Sei invecchiato. Hai avuto più esperienze. Hai imparato di più, sentito di più, visto di più e capito di più. Anche il tuo corpo è cambiato. Non c’è una parte di te che non sia cambiata (tranne, forse, la tua Anima o Vero Sé). Quindi, come puoi continuare a risentirti?

Dedica del tempo serio a riflettere su questa verità. Consiglio di inserire nel diario i tuoi pensieri e i tuoi sentimenti riguardo alla dichiarazione: stiamo facendo tutto il possibile in base al livello di coscienza che abbiamo nel momento.

Nel momento in cui hai commesso un errore in passato, avevi un diverso livello di coscienza. Forse non eri così esperto, sveglio e consapevole delle conseguenze. Oppure stavi reagendo sulla spinta di vecchie ferite. Forse il tuo sé ombra ha preso temporaneamente il controllo. Scava e ritaglia uno spazio di comprensione su questo.

3. Vedi il tuo errore come un riflesso del Sé Ombra

Tutti abbiamo un lato oscuro, un posto dentro di noi che preferiremmo non guardare. Questo lato oscuro di solito è dormiente e si è formato a causa di esperienze nella vita che ci hanno insegnato che alcune parti di noi erano “buone” e altre parti erano “cattive”. È questa parte in ombra del Sé che ci fa auto-sabotare, ribollire di gelosia, essere accecati dalla rabbia, mentire ai nostri partner e ferire i nostri cari.

Ciò che è forse più critico da ricordare è che questa è solo una parte di te, non è la totalità di te. Quando lottiamo per perdonare noi stessi, tendiamo a identificarci esclusivamente con i nostri Sé Ombra e dimentichiamo tutte le nostre qualità gentili, amorevoli e affettuose.

Ricorda che qualsiasi cosa tu abbia fatto non è un riflesso della tua Vera Natura – è il risultato della tua Ombra non elaborata che esplode sulla superficie della tua vita e che sta causando il caos. Semmai, qualunque cosa tu abbia fatto ti ha regalato la benedizione di conoscere direttamente l’importanza dell’Ombra (o esplorare la tua Ombra). Per favore, prendilo come uno spunto per iniziare il viaggio interiore di introspezione e trasformazione interiore, non come una chiamata per continuare a demonizzare te stesso.

4. Esprimi in modo creativo il tuo dolore e il tuo rimpianto

Quando abbiamo commesso un grave errore (o abbiamo fatto qualcosa che innesca un’intensa vergogna tossica in noi), è importante che facciamo spazio per elaborare questi sentimenti. Intendiamoci, ruminare e trascinare ripetutamente vecchi ricordi non elabora i tuoi sentimenti. È tempo di smettere con quella forma di auto-punizione. Affrontare, sentire ed esprimere ciò che sta accadendo dentro di te sarà una parte vitale del tuo percorso di guarigione.

Per elaborare il tuo dolore e rimpianto, ti consiglio vivamente di trovare una sorta di sbocco creativo. L’espressione creativa di sé è una forma di alchimia interiore che aiuta a trasformare il tuo dolore in saggezza. Esempi inclusi:

  • Pittura
  • Disegno
  • Scolpire
  • Collaging
  • Canto
  • Comporre musica
  • Danza

Non devi essere un artista per esprimere se stesso – questo è un bisogno innato e una capacità dentro tutti noi. Quindi rifletti e vedi cosa risuona con te.

Dopo aver scelto una forma di auto-espressione creativa, usa la tua colpa / vergogna / rimpianto come ispirazione. Ad esempio, se hai tradito la fiducia di qualcuno che amavi, crea un’opera d’arte basata sul sentimento di tradimento. Che aspetto ha il tradimento? Che suono ha? Odore, gusto e la sensazione? In che modo ha influenzato gli altri e te stesso? Cosa puoi imparare da questa situazione? Come ti ha cambiato? Infondi nella tua arte queste contemplazioni.

5. Lavora con i tuoi archetipi

Per fare questo occorre affidarsi ad una guida esperta. Gli archetipi sono rappresentazioni iconiche del tuo tratto caratteriale e dei tuoi “meta programmi” (schemi di comportamento automatici o ciclici). L’enneagramma, il rilascio emozionale istantaneo, la consulenza filosofica, sono metodi eccellenti per lavorare con gli archetipi.

Uno dei motivi per cui amo e rispetto la pratica di lavorare con i tuoi archetipi interiori è che ti aiuta a evolvere, maturare, individuare e riscoprire la tua vera natura. Quando si tratta di imparare a perdonare te stesso, avrai bisogno di una guida. Scavare e connettersi con gli archetipi è un modo potente per liberarsi.

Puoi chiamare queste parti interne della tua Anima per ricevere guida, supporto e aiuto. Comprendi che questi archetipi sono fonti universali di energia disponibili per tutti noi. Ognuno di noi contiene un seme di auto-compassione interiore.

6. Quali esigenze non erano soddisfatte al momento?

Rivolgendo la nostra attenzione alla parte del sé che ha scelto di agire nel modo che ha portato alla situazione attuale, ci dobbiamo chiedere: “Quando mi sono comportato nel modo di cui ora mi pento, quale mio bisogno stavo cercando di soddisfare?”

C’è una ragione per cui ti sei comportato in quel determinato modo in ​​passato, ed è perché stavi cercando di soddisfare un bisogno (nel modo migliore che sapevi fare in questo momento).

Quindi trattati con un po’ di compassione ed esplora ciò che hai bisogno di soddisfare. Era la necessità di essere amato? La necessità di essere rispettato? Il bisogno di essere visto? Il desiderio di essere ascoltato? La necessità di sentirsi al sicuro? Comprendendo il tuo bisogno di fondo, viene dissolto un buon quantitativo di colpa e vergogna.

7. Fai un rituale di rilascio

Ad un certo punto del tuo viaggio, saprai che è tempo di lasciar andare. Sarai stanco dei continui rimproveri mentali e dei sensi di colpa. Bramerai la pace; per un nuovo inizio. Quando arriverà questo momento, saprai che sei finalmente pronto a lasciar andare.

Lasciar andare tende a sembrare stravagante e vago per la maggior parte delle persone. Ma non deve esserlo. Ci sono alcune pratiche che puoi fare per rendere questa esperienza solida e memorabile.

La più potente è senz’altro il rilascio emozionale istantaneo. E’ una tecnica semplice che puoi imparare in un’oretta. Il vantaggio è che, una volta imparata, la puoi praticare per conto tuo tutte le volte che ti occorre.

Un’altra pratica che suggerisco è un semplice rituale di rilascio del fuoco.

Per praticare questo rituale del fuoco, avrai bisogno di un pezzo di carta, un accendino (o una scatola di fiammiferi) e una ciotola di qualche tipo (ovviamente in materiale refrattario tipo la terracotta). Scrivi semplicemente quello che ti piacerebbe lasciare andare sul tuo pezzo di carta. Quindi, accendi la carta, lasciala cadere nella tua ciotola e guardala bruciare. Mentre brucia, sappi che stai bruciando anche vecchi schemi e abitudini. Stai vivendo contemporaneamente una morte e una rinascita.

8. Pratica l’amore per te stesso

Infine, abbi cura di te. Sii gentile e consapevole, sapendo che va bene fare errori ed essere umani. Se hai bisogno di aiuto per praticare l’amore di te stesso, affidati ad una consulenza (a volte è di grande aiuto avere  un volto amichevole per darti supporto). Se hai un dialogo interiore molto critico, esplora pratiche come consapevolezza, la meditazione e le affermazioni.

***

La cosa più importante nell’auto-aiuto è il perdono di sé: è quando ci rilassiamo nella vulnerabilità della nostra umanità e troviamo compassione per le nostre lotte interiori.

Ricorda, sei umano. Tu commettiamo errori. E va bene. Ciò che conta ora è come usi quei dossi sulla strada della vita per alimentare la tua crescita e trasformazione. Lascerai che ti mangino vivo o li userai come motivazione per continuare ad evolverti?

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti: