fbpx

Malattia psicosomatica: è un campanello d’allarme spirituale?

Malattie psicosomatiche. Il contenuto di questo articolo deve intendersi complementare e non sostitutivo rispetto alle terapie mediche convenzionali.

Il corpo ci parla in mille modi ogni giorno e la malattia non fa eccezione.

Essendo una delle esperienze più frustranti, drenanti e, in alcuni casi, debilitanti che puoi avere nella vita, la malattia può farti sentire impotente.

E se ricevi continuamente risultati negativi sui test clinici senza una chiara causa alla base di ciò che stai passando, la tua malattia può essere ancora più irritante e insopportabile.

Quello che possiamo imparare dalla malattia psicosomatica è qualcosa su cui molti medici professionisti ora sono d’accordo e gli studi lo dimostrano: che la mente e il corpo sono intimamente connessi.

Non solo, ma i nostri dolori, malesseri e problemi di salute possono effettivamente essere un campanello d’allarme spirituale se impariamo ad osservarli e ascoltarli abbastanza profondamente. Spiegherò in questo articolo perché la nostra malattia può essere un campanello d’allarme e quali vie di guarigione potrebbero portarti un po’ di sollievo.

Che cos’è una malattia psicosomatica?

Una malattia psicosomatica è una malattia per la quale non esistono cause biologiche (come lesioni fisiche, squilibri ormonali, virus, ecc.). In altre parole, una malattia psicosomatica è una malattia innescata da uno stato mentale come ansia, stress, rabbia, depressione e così via.

Forse, più semplicemente, una malattia psicosomatica – psico che significa mente e somatica che significa corpo – è un disturbo mente-corpo.

È tutto nella tua testa?

Quante volte, parlando della nostra malattia psicosomatica con amici o cari, ci siamo sentiti dire questa odiosa frase: “è tutto nella tua testa”? Tieni presente che è vero che una malattia psicosomatica è innescata da uno stato mentale come ansia, paura e così via, ma ciò non significa che non è reale.

Come persona che ha sofferto di malattie psicosomatiche quali la psoriasi, il dolore cronico e problemi gastrointestinali ricorrenti in passato, so quanto possano essere dolorosamente reali tali esperienze.

Se non riesci a individuare la causa esatta della tua sofferenza fisica, e se tutti i test dicono che tutto è “normale”, non significa che sei pazzo o ipocondriaco. Invece, probabilmente significa che la tua malattia è di natura psicosomatica.

Non solo ma, probabilmente, qualche tipo di trauma potrebbe essere la causa sottostante.

Traumi e malattie psicosomatiche

Il corpo tiene il punteggio… il ricordo del trauma è codificato nelle viscere, nelle emozioni strazianti, nei disturbi autoimmuni e nei problemi scheletrico/muscolari.

Quando siamo traumatizzati, sia da bambini che da adulti (o entrambi), spesso non siamo stati in grado di riprenderci da un meccanismo istintivo noto come risposta di congelamento.

Sono sicuro che hai già sentito parlare delle risposte di lotta, fuga e blocco prima d’ora. Tale comportamento è stato studiato a lungo da sociologi, psicologi, antropologi, etologi e così via.

La risposta di combattimento si verifica quando viene attivato il sistema nervoso simpatico del nostro corpo, generando adrenalina che ci fa venire voglia di reagire in maniera pro-attiva al pericolo incombente.

Il meccanismo della risposta di fuga avviene quando abbiamo l’impulso irresistibile di sottrarci al pericolo imminente scappando: fuggire il più velocemente possibile.

La risposta di congelamento, infine, ci immobilizza di fronte all’immediata minaccia di morte o di dolore (fisico/mentale/emotivo).

Il congelamento aiuta a offrire una tregua dal dolore (come analgesico naturale). Ma anche, se non riusciamo a scrollarci di dosso quella risposta di congelamento dal nostro sistema nervoso, diventiamo traumatizzati.

Il trauma si verifica come risultato dell’inizio di un ciclo istintuale che non riesce a disattivarsi. Quando la neocorteccia scavalca le risposte istintuali che darebbero il via al completamento di questo ciclo, siamo traumatizzati.

Completare il ciclo

In altre parole, dobbiamo essere in grado di “completare il ciclo” (ovvero scrollarci di dosso l’energia congelata e tornare alla normalità) per scaricare l’intensa corrente nervosa generata dalla situazione di pericolo che abbiamo vissuto. Se non lo facciamo, se la nostra neocorteccia (cervello pensante) prende il sopravvento entrando in una spirale senza fine, sperimentiamo quello che chiamerò grossolanamente l’ effetto “schermata blu”.

L’effetto schermata blu si verifica quando il nostro sistema nervoso si congela, pieno di così tanta energia non scaricata che ci fa rimanere costantemente in uno stato di blocco o di allarme. (In una nota a margine, osserva gli animali in natura che hanno subito un trauma. Qual è la prima cosa che fanno? Si scrollano di dosso l’energia, e anche noi dovremmo).

Come si manifesta questo trauma congelato?

Come una valvola su una pentola a pressione, ci deve essere una sorta di rilascio per questa energia interiore repressa. Il risultato è: avete indovinato! – l’insorgenza di malattie psicosomatiche (spesso accompagnate da disturbi fisici ed emotivi).

Esempi di malattie psicosomatiche

Quindi quali tipi di malattie psicosomatiche esistono?

Sarebbe impossibile elencarli tutti, ma fornirò alcuni esempi di seguito:

  • Insonnia
  • Fibromialgia
  • Sindrome dell’affaticamento cronico
  • Tensione muscolare cronica
  • Palpitazioni
  • Alta pressione sanguigna
  • Problemi di pelle (acne, dermatite, psoriasi ecc.)
  • Problemi gastrointestinali (p. es. sindrome del colon irritabile, bruciori, gastriti ecc.)
  • Disfunzione sessuale (p. es., disfunzione erettile)
  • Mal di testa ed emicranie
  • Problemi del pavimento pelvico

In sostanza, le malattie psicosomatiche possono avere un impatto su qualsiasi area del tuo corpo, sia all’interno che all’esterno.

Un appello all’avventura

Per quanto angoscianti siano i disturbi psicosomatici, in essi c’è una profonda vocazione.

Sono una chiamata per risvegliare il guaritore dentro di noi; per andare alla ricerca dell’anima , scoprire cosa ci angoscia, ascoltare i bisogni più profondi della nostra anima e ritrovare la libertà.

Naturalmente, alcune persone potrebbero essere comprensibilmente scettiche sull’attribuire un significato “superiore” alla loro malattia. Va bene, alla fine della giornata dobbiamo prendere ciò che risuona e buttare via il resto.

Ma ho scoperto personalmente, non solo con me stesso ma anche con gli altri, che svelare il significato più profondo dietro la nostra sofferenza e vederla come “una chiamata all’avventura” aiuta la guarigione e potenzia l’efficacia delle terapie mediche.

Un celebre sopravvissuto all’olocausto, il neurologo e psichiatra Viktor Frankl si riferisce al potere trasformativo di trovare il significato attraverso la “logoterapia”. In effetti, trovare uno scopo più profondo dietro il suo orribile dolore e trauma nei campi di sterminio nazisti lo ha aiutato a sopravvivere e, alla fine, a trovare la volontà di prosperare.

Il dolore della malattia psicosomatica come sveglia spirituale

Per completare la sezione precedente, un altro motivo per cui il dolore può manifestarsi nei nostri corpi è che serve come un campanello d’allarme spirituale.

Spesso trascorriamo le nostre vite costantemente dissociati dai nostri corpi, disconnessi dal momento presente e vivendo nel mondo della mente. Tale esistenza è ciò che i maestri Zen chiamerebbero ” dukkha “, cioè fondamentalmente insoddisfacente, stressante e vuota.

Se, insieme al dolore fisico, provi regolarmente sensazioni di vuoto interiore, solitudine e smarrimento, la tua sofferenza fisica potrebbe servire come un forte risveglio spirituale.

Forse sentire che il nostro dolore è un campanello d’allarme può suonarti un po’ sciocco, pazzo o persino sadico. “ Giusto. Ma non c’è un modo migliore e più gentile per avere una chiamata di risveglio?!” potremmo protestare.

La risposta è che quando siamo profondamente radicati in storie mentali, programmazione emotiva e varie forme di condizionamento sociale negativo, a volte l’unica cosa che può attirare la nostra attenzione e scuoterci dal torpore è il dolore – e molto!

Dopotutto, in quale altro modo sveglieresti qualcuno che è profondamente addormentato? Gli sussurreresti delicatamente all’orecchio? Probabilmente no. Non ti sentirebbe! No, probabilmente parleresti ad alta voce o addirittura lo scuoteresti energicamente per svegliarlo! Lo stesso vale per le malattie psicosomatiche, ci scuotono per svegliarci!

Come scoprire ciò che sta “cercando di dirti” la tua malattia psicosomatica

Allora qual è il messaggio nascosto dietro il tuo dolore? Cosa sta cercando di dirti o insegnarti?

Naturalmente, il dolore a volte può essere solo dolore: la sua funzione potrebbe essere semplicemente quella di attirare la tua attenzione in modo che tu possa alleviarla rivolgendoti al medico e basta.

Ma a volte il dolore psicosomatico ha una lezione o un messaggio per te. Potrebbe, ad esempio, cercare di attirare la tua attenzione su:

  • Emozioni non digerite ad esso associate
  • Un trauma non metabolizzato che devi elaborare
  • Una decisione nella tua vita che devi esaminare
  • Qualcosa che hai bisogno di lasciar andare il prima possibile
  • Una parte del tuo sé ombra che devi esplorare
  • Un’abitudine negativa che devi correggere
  • Un’opportunità di amor proprio e cura di sé che puoi cogliere
  • Una ferita ancestrale che ti stai portando dietro

Tieni presente che l’elenco di cui sopra non è esaustivo e potrebbero esserci molte altre lezioni celate nel tuo dolore.

Allora come fai a scoprire cosa sta cercando di dirti la tua malattia psicosomatica?

I metodi migliori che ho trovato sono la stesura di un diario, la meditazione , la visualizzazione e il respiro . Ecco alcune pratiche che puoi provare:

#1 La tecnica del riposo delle mani (meglio per il dolore specifico).

Entra in uno stato rilassato. Chiudi gli occhi. Metti le mani sulla parte del tuo corpo che ti sta causando dolore. Invia alcuni respiri consapevoli e delicati in quell’area per rilasciare qualsiasi tensione. Quindi chiedi internamente o ad alta voce: “Cosa stai cercando di dirmi?” Annota tutti i ricordi, le immagini fioche, le parole o le sensazioni che affiorano sulla superficie della tua mente. Puoi prendere questo materiale mentale, annotarlo su un diario e porre ulteriori domande chiarificatrici come “Cosa significa?”

#2 Visualizzare un viaggio all’interno del corpo

In questa visualizzazione, incontrerai il tuo dolore corporeo come personificato da un giardino e un giardiniere. Rilassati, sdraiati da qualche parte e ascolta musica rilassante (i suoni della natura sono i migliori  per accompagnare l’esperienza). Immagina di trovarti in un campo pieno di erba soffice che ondeggia nel vento. In lontananza c’è un alto cancello con una lunga recinzione che si estende su entrambi i lati. Non puoi vedere cosa c’è dietro, quindi ti avvicini. Mentre vai per aprire il pesante cancello, noti un cartello appeso che dice “ Benvenuto nel tuo corpo.” Apri il cancello e sbircia nel giardino di fronte a te. Che cosa sembra? Cosa ti colpisce? Prenditi un momento per guardarti intorno e acclimatarti.

All’improvviso, in lontananza, ti si avvicina un giardiniere. Lui o lei dice: “Ciao, benvenuto in questo giardino”. Quindi fai tutte le domande di cui vorresti conoscere le risposte. Ad esempio, potresti chiedere: “Cosa devo sapere su come prendermi cura di questo giardino (il mio corpo)?” “Cosa significa [x,y,z] parte del giardino?” e così via. Una volta terminata la conversazione, ringrazia il giardiniere e lascia il giardino, chiudendo il cancello dietro di te. Una volta tornato nel campo erboso, torna alla coscienza normale. Annota ciò che hai imparato.

#3 Diario del dialogo con il corpo

Il dialogo con il tuo corpo può essere un modo semplice ma illuminante per scoprire il significato e le lezioni dietro la tua malattia psicosomatica. Inizia la tua sessione esplorativa rivolgendoti alla parte del tuo corpo che causa problemi (o all’intero corpo se si tratta di dolore generalizzato). Potresti scrivere: “Cara schiena, collo, petto, ecc. cosa vorresti condividere con me?” Chiudi gli occhi, lascia andare ogni pensiero nella tua mente e lasciati andare alla scrittura senza fermarti (questa è anche nota come tecnica del flusso di coscienza).

Cerca di non giudicarti, correggere l’ortografia o fermarti per qualsiasi motivo, lascia che la tua scrittura scorra senza ostacoli. Una volta che ti sei fermato, pensa a un’altra domanda da porre al tuo corpo. Mantieni la conversazione fluida finché non sei soddisfatto. Ringrazia il tuo corpo alla fine. Rifletti sulle tue scoperte.

A volte ci vuole un po’ di pratica per entrare in sintonia con la voce della tua malattia e creare quella connessione mente-corpo. Ma scegli una pratica e continua: potresti rimanere sorpreso da ciò che scopri!

Come Rilasciare un Trauma responsabile di malattia psicosomatica

Cercare di sopprimere o sradicare i sintomi a livello fisico può essere estremamente importante ma, nella guarigione, c’è di più; affrontare le questioni psicologiche, emotive e spirituali coinvolte nel trattamento della malattia è altrettanto importante.

Come accennato in precedenza, le malattie psicosomatiche sono spesso causate da traumi non rilasciati/non risolti nella mente e congelati nel corpo. Alcuni psicologi si riferiscono a questo come “somatizzazione”, che è quando i nostri stati interiori di ansia, tensione e rabbia vengono convertiti in angoscia fisica nel corpo.

Il rilascio di questa energia congelata richiede spesso un’assistenza professionale, come l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing ) o il rilascio emozionale istantaneo.

Ma per fornirti un po’ di sollievo immediato, voglio offrirti alcuni metodi che puoi praticare autonomamente:

  • Bevi molta acqua per una corretta idratazione
  • Fai un inventario di ciò che mangi (ovvero quali cibi malsani puoi eliminare e sostituire con opzioni più salutari?)
  • Fai esercizio fisico ogni giorno, anche se si tratta solo di giardinaggio o lavori domestici
  • Osserva passivamente il respiro per 20 minuti / mezz’ora al giorno
  • Esercitati a scuotere consapevolmente il tuo corpo: puoi ad esempio sbizzarrirti a danzare liberamente su una musica molto allegra
  • Fai l’auto-massaggio ogni giorno (puoi aiutarti con una sfera di gomma o un tappetino massaggiante )
  • Fai del sonno la tua priorità
  • Pratica la consapevolezza e la meditazione (il rilassamento muscolare progressivo e la scansione del corpo possono essere particolarmente utili per te)
  • Fai un po’ di stretching o yoga ogni giorno praticando delle asana semplici e rilassanti
  • Cammina a piedi nudi nella natura (se hai l’erba nel tuo giardino o vivi vicino al mare, lascia che l’energia della terra lenisca il tuo corpo!)

Ovviamente nessuna di queste pratiche è una “soluzione magica”, ma hanno sicuramente aiutato me e coloro che conosco a ridurre i sintomi di malattie psicosomatiche.

Conclusioni

La malattia psicosomatica può farci sentire debilitati, confusi e deboli. Eppure, per alcuni, può innescare una crisi esistenziale positiva : una ricerca di guarigione o un richiamo all’avventura che risveglia il guaritore interiore.

Per altri, le malattie psicosomatiche sono come campanelli d’allarme che ci scuotono fuori dal nostro normale stato di pilota automatico e suscitano il desiderio di andare alla ricerca dell’anima.

Qualunque sia il significato che attribuisci (o meno) alla tua malattia, sappi solo che può trasformarsi in una “ferita sacra” che ti consente di crescere ed evolvere. Il maestro Zen Thich Nhat Hanh una volta ha parlato delle ” campane della consapevolezza ” che risuonano nella nostra vita quotidiana, e il dolore è sicuramente una di queste!

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: