fbpx

13 modi per smettere di sentirsi soli e isolati

Sei circondato da persone. Stanno ridendo, sorridendo e parlando. Sembra che tutti si stiano divertendo molto: sembrano tutti così connessi l’uno con l’altro. Ma non importa quanto desideri quella sintonia, non puoi fare a meno di sentirti completamente solo.

Un senso di pesantezza e vuoto può riempirti il ​​petto mentre li guardi tutti:

Sono solo, completamente e disperatamente solo. Nessuno può vedermi veramente. Nessuno mi capisce veramente. A nessuno importa nemmeno. Non sono importante per loro. Non sono affatto come loro.

I tuoi pensieri possono girare a spirale mentre il vuoto che senti diventa sempre più soffocante.

Ti ritrovi con questi sentimenti?

Ti è mai successo di trovarti in una stanza piena di persone ma sentirti totalmente solo e isolato?

Se è così, voglio assicurarti che non sei una mosca bianca.

Tante persone (me compreso) hanno affrontato un’estrema solitudine durante la vita. E anche se questa esperienza può essere molto difficile da affrontare. Fortunatamente ci sono modi e soluzioni per uscirne.

Entro la fine di questo articolo, dovresti avere una buona comprensione del motivo per cui ti senti solo e cosa puoi fare al riguardo.

Voglio anche aiutarti a riformulare la tua solitudine e vederla potenzialmente come parte di uno scopo e di un processo più grandi di evoluzione interiore.

La solitudine può effettivamente essere potenziante

Cominciamo con una verità un po’ stravagante, ma onesta: stare da soli non è sempre una cosa orribilmente negativa.

So che può sembrare pazzesco. Ma ascoltami.

Essere soli non è sempre una brutta cosa, perché la solitudine può aiutarci a capire chi siamo, fare qualche ricerca interiore e prenderci una pausa dalla follia del mondo.

Sì! La solitudine può effettivamente essere qualcosa di rinfrescante, rinvigorente e può aprire una porta verso una profonda intuizione interiore.

Essere soli non solo può aiutarci a capire chi siamo a livello profondo, ma può effettivamente autorizzarci a percorrere il sentiero meno battuto, evolverci interiormente e trovare il nostro vero significato della vita.

Perché la solitudine diventa tale?

Essere soli diventa “sentirsi soli” quando non riusciamo a trovare il ponte di connessione con l’umanità.

La solitudine diventa tale quando subiamo un attacco di malessere mentale, crisi esistenziale o risveglio spirituale che ci colpisce così intensamente da farci sentire alieni su questo pianeta.

Quando stai attraversando una crisi esistenziale  o il processo di risveglio spirituale, ti senti naturalmente fuori sintonia con questo mondo. Cominci a vedere attraverso le bugie e le illusioni della società. Vedi attraverso la “follia normalizzata” delle altre persone e non trovi alcun interesse per ciò che apprezzano. Ti senti evitato, spogliato e profondamente isolato da coloro che ti circondano.

Non stai impazzendo

Potresti chiederti se sei l’unico sul pianeta a sentirsi così, così isolato e solo. Forse, anche una piccola parte di te potrebbe chiedersi se stai impazzendo o se c’è qualcosa di profondamente compromesso o sbagliato in te.

Non c’è.

Quello che stai attraversando è perfettamente normale nel contesto della tua esperienza di vita. E no, non sei l’unico a sentirti solo. Ho sentito anch’io l’orribile vuoto della solitudine esistenziale, ne ho parlato e sono stato testimone anche di molti altri che si sentono allo stesso modo.

Ce ne sono altri come te e puoi usare questi sentimenti a tuo vantaggio …

C’è un gruppo di persone là fuori come te.

Anche loro si sentono sole. Anche loro hanno perso i contatti con tutti i loro amici e forse anche con la famiglia. Anche loro si sentono disconnessi dal mondo.

Sebbene tu possa sentirti sopraffatto da disperazione o desolazione, sappi che puoi usare questi sentimenti a tuo vantaggio.

Puoi usare la tua solitudine per diventare più forte, più coraggioso e più saggio.

Puoi attingere alla forza primordiale dentro di te che sa come sopravvivere allo scarso contatto umano e prosperare quando la vita diventa oscura e sterile.

Esploreremo presto come entrare in contatto con quella forza interiore. Ma prima, demistifichiamo la solitudine e riveliamo quanto sia normale.

Sentirsi soli è normale?

Potrebbe sembrare che tu sia l’unico a vivere la solitudine. Ma non lo sei. SÌ, è normale sentirsi soli e molte persone lottano con questo.

Ecco alcune statistiche:

  • Secondo uno studio recente, quasi la metà di tutti gli italiani si sente sola. E nello stesso studio, è stato scoperto che la solitudine colpisce i giovani più degli anziani.
  • 1 italiano su 4 si sente solo almeno un giorno alla settimana. Ancora una volta, lo stereotipo secondo cui gli anziani sono quelli che si sentono più soli è falso. In realtà, una ricerca internazionale ha scoperto che la solitudine tende ad essere la più comune tra le persone di età compresa tra i 16 e i 25 anni.
  • Circa un quinto delle persone che si sentono sole dicono di sentirsi a disagio ad ammetterlo.

Non è incredibile? E anche un po’ allarmante?

Sebbene queste statistiche non abbiano lo scopo di migliorare la tua situazione, spero che aiutino a normalizzarla. Sentirsi soli è un’esperienza condivisa da milioni di persone in tutto il mondo di ogni provenienza, età e cultura. In realtà è più comune di quanto pensiamo.

7 segni che ti senti solo

Non è la mancanza di compagnia che ci fa sentire soli, è quella sensazione di vuoto, di non avere niente, di straordinaria incertezza, frustrazione e profondo smarrimento… tutto ciò che si sente quando manca il significato personale, quindi cerchiamo di distrarci, con l’uso compulsivo dei social, film, giochi, carriere. Qualsiasi cosa per sfuggire di fronte a quel vuoto, quel vuoto che sentiamo dentro.

La vera solitudine è diversa dall’essere soli, che è ciò che la maggior parte delle persone sperimenta ad un certo punto. L’essere soli è la sensazione di lieve disagio che una persona prova quando trascorre il sabato sera a guardare un film da sola mentre vorrebbe che qualcuno fosse lì per condividere l’esperienza.

La solitudine, invece, è cronica. Non è una sensazione temporanea che va e viene: è sempre lì come un’ombra che ti segue.

Presta attenzione a questi segni:

  • Ti senti solo in mezzo a una folla di persone
  • Desideri un’interazione umana di qualità
  • Ti senti deluso dalle tue relazioni: non avverti un profondo senso di connessione con gli altri
  • Tendi a fare acquisti o abbuffarti (per evitare la solitudine che ti porti dentro)
  • Fai fatica a relazionarti con gli altri e ti senti molto diverso dai tuoi coetanei
  • Ti senti spesso triste o depresso
  • Fisicamente, potresti avere la sensazione che ci sia un buco nero o un vuoto dentro di te

A quanti segni puoi relazionarti? Ovviamente, con più segni risuoni, più probabilmente ti sentirai solo. Inoltre, va bene se stai riscontrando qualcosa che non è incluso in questo elenco (è altrettanto importante e valido).

Perché mi sento così solo?

Ci sono molte ragioni per cui potresti sentirti solo e disconnesso dalle altre persone. Potresti aver sperimentato:

  • La morte di una persona cara
  • Cambiamento di residenza, paese, luogo di lavoro, ecc.
  • Non adattarti a chi ti circonda
  • Essere l’assistente primario di una persona con disabilità
  • Divorzio
  • Malattie mentali (ansia, depressione, disturbo bipolare, ecc.)
  • Disabilità fisica (perdita dell’udito, della vista, del movimento, ecc.)
  • Razzismo o discriminazione LGBT

Se ti senti gravemente solo – e ti sei sentito così  per la maggior parte della tua vita – ciò potrebbe essere dovuto a:

  • Abusi nella prima infanzia (emotivi, mentali, spirituali, fisici)
  • Un’interruzione nelle fasi di sviluppo della tua infanzia
  • Genitori ostili/intrusivi o ritirati/anaffettivi
  • Bassa autostima

Se ti senti gravemente solo, ti incoraggio vivamente a chiedere aiuto. Sebbene questo articolo possa aiutarti a darti un punto di partenza, lavorare su problemi legati al trauma va oltre lo scopo di ciò che presento qui. Un lavoro radicale su se stessi richiede sempre un approccio personalizzato.

Inoltre, tieni presente che è perfettamente normale sentirsi soli senza una chiara ragione. Anche se tutto va bene nella tua vita, sentirsi improvvisamente soli di punto in bianco non è inaudito. Spesso, la sensazione passerà rapidamente. Ma se diventa persistente, è tempo di fare un po’ di ricerca interiore.

La causa spirituale del sentirsi soli

Se doveste chiedere un antidoto all’angoscia della solitudine umana, vi suggerirei di ritrovare e riesaminare il legame che ci unisce con la terra, il nostro perduto ‘cordone ombelicale’. Vi inviterei a riconoscere la presenza di un amore inesauribile che resta inalterato dalle vicende umane. Non è così difficile. Guardati intorno, ricorda l’essere che ci sostiene e renditi conto che sei a casa, sempre a casa.

-Carlos Castaneda –

In quanto esseri spirituali che vivono un’esperienza umana, la nostra connessione con il Divino è importante tanto quanto la nostra connessione con le attività quotidiane. Non siamo solo corpi di carne che vanno in giro a fare stupidaggini: c’è un’essenza più profonda, una scintilla misteriosa dentro tutti noi. Quell’essenza più profonda è l’Anima, che è parte del Grande Spirito (o Forza Vitale) che attraversa tutte le cose.

Probabilmente, la realtà è che sai già a un certo livello che sei un essere spirituale, non solo un sacco di carne con un cervello che sembra essere senza controllo. La solitudine è un segno che stai attraversando un processo di risveglio spirituale – e questo viaggio tende sempre a iniziare con la dolorosa scoperta di quanto uno sia alienato dal proprio Centro interiore (Anima).

La perdita dell’anima e la notte oscura dell’anima

Il viaggio del risveglio spirituale, la perdita dell’anima e la Notte Oscura dell’Anima sono tutti collegati. Vediamo di comprendere meglio.

Quando siamo disconnessi dalle nostre anime, ci sentiamo soli. Questa disconnessione spirituale è chiamata perdita dell’anima ed è una grande epidemia nella nostra società attuale.

La perdita dell’anima si verifica quando abbiamo perso il contatto con quell’essenza divina dentro di noi. Quando la vita diventa totalmente mondana e materiale, possiamo sentire che manca qualcosa. Questa sensazione di qualcosa che è fondamentalmente “spento” nasconde il desiderio di unirsi a qualcosa di più profondo e significativo.

Successivamente, arriva qualcosa noto come la Notte Oscura dell’Anima. Quando diventiamo consapevoli della nostra perdita dell’anima e di ciò che ci stiamo davvero perdendo, è comune passare attraverso un periodo cupo e deprimente della vita noto come la Notte Oscura. Durante la Notte Oscura, diventiamo acutamente consapevoli della nostra disconnessione dal Divino.

Come affrontare la solitudine

Sentirsi soli non deve essere una condanna a vita.

Anche se potresti sentirti senza speranza, demotivato e come se non ti mettessi mai in contatto con nessuno in modo significativo, ricorda che questo è lo scettico/giudice interiore che parla.

Non importa quanto sia grave la solitudine, sappi che hai una scintilla primordiale di vita dentro di te (altrimenti, non vivresti e non respireresti!). Questa fonte primaria di energia può assumere molti nomi e forme ( Prana, Cuore, Kundalini ), ma scegliamo di vederla come il guerriero interiore.

Il tuo guerriero interiore è il tuo guardiano interno, protettore, fonte primaria di istinto e intuizione. È il fuoco dentro di te che continua ad ardere, non importa cosa, non importa quanto sia difficile.

Di seguito, ti mostrerò come entrare in contatto con il tuo guerriero interiore. Offrirò anche altre pratiche che puoi esplorare:

1. Esprimi in modo creativo il tuo guerriero interiore

Il tuo guerriero interiore ti consentirà di muoverti attraverso la tua solitudine senza annegarci. Ti fornirà un senso di forza, aiutandoti a entrare in contatto con la tua energia divina.

Uno dei modi migliori per riconnettersi con questa forza primordiale dentro di te è attraverso l’arte. Non è necessario essere bravi a disegnare per beneficiare di questa pratica (è irrilevante). Fai del tuo meglio e disegna ciò che senti.

L’arte attiva la parte destra del cervello che è collegata alla creatività e al bambino interiore . L’arte è anche di natura simbolica, quindi ha un potente impatto sulla tua mente inconscia. Questo, a sua volta, può aiutarti a passare rapidamente dai sentimenti di impotenza e desolazione al potenziamento e alla vitalità.

Per questa attività, trova un foglio di carta bianco e alcune matite. Se hai solo una penna a portata di mano, va bene lo stesso. Dedica un po’ di tempo per attirare il guerriero che c’è in te. Com’è? Qual è il nome del tuo guerriero interiore? Quanti anni ha? Disegna tutto ciò che ti sembra giusto e, soprattutto, cerca di non pensarci troppo.

Una volta che hai finito, nota come ti senti. Va bene se non senti un grande cambiamento – con il tempo, lo sentirai. Tieni il tuo disegno in un posto importante della tua casa che vedi ogni giorno. Questo aiuterà a preparare/condizionare la tua mente a ricordare il tuo spirito guerriero. Porti dentro di te una forza della natura che ti aiuterà a superare questi tempi difficili.

2. Visualizza l’incontro con il tuo guerriero interiore

Un altro modo per gestire la tua solitudine e riconnetterti con una sensazione di forza interiore e connessione è attraverso la visualizzazione.

Visualizzare può essere facile e semplice come preferisci, o complesso come desidera il tuo cuore. Ti consiglio di mantenere la tua visualizzazione breve, dolce e semplice.

Per iniziare la visualizzazione, vai in una stanza buia e metti della musica d’atmosfera. Potresti mettere una musica di tamburi sciamanici o musica che ti ricordi il guerriero interiore. (Cerca su YouTube.)

Sdraiati e fai alcuni respiri profondi per stabilizzarti e rilassarti. Quando sei pronto, lascia che la tua mente inizi a viaggiare con la musica.

Immagina di scendere una scala e in fondo c’è l’ingresso di un ambiente selvaggio o qualsiasi altro paesaggio ti sia d’ispirazione. Mentre cammini, senti un suono possente in lontananza (tamburo, corno o qualsiasi altro suono ti dia l’idea di potenza). Continui a camminare, sapendo di essere completamente al sicuro e guardi il paesaggio intorno a te. Davanti a te senti una presenza. Un guerriero emerge all’improvviso e ti guarda dritto negli occhi. Ti fermi e ricambi lo sguardo. Che aspetto ha il guerriero? Immergiti nell’immagine. Se hai qualche domanda, potresti chiedere al guerriero. Dedica un po’ di tempo a familiarizzare con lui/lei. Quando hai finito, ringrazia il guerriero che c’è in te, saluta e torna su per le scale verso la normale realtà di veglia.

Potresti dedicare un po’ di tempo a scrivere un diario sulla tua esperienza. Come ti sei sentito? Cosa ti ha detto il tuo guerriero interiore? Ricorda, uno dei motivi principali per cui ci sentiamo soli è che siamo disconnessi dal nostro sè e dalla nostra fonte di potere. Riconnetterti con il tuo guerriero interiore in questo modo ti aiuterà a motivarti e a mostrarti che c’è  speranza  e  puoi  connetterti con altri come te. Ci vorrà solo un po’ di tempo e fatica.

Consiglio generale:

Una volta che ti sarai riconnesso con la tua fonte di potere interiore (il guerriero), ti sarà più facile mettere in atto i seguenti consigli generali.

Questi suggerimenti ti aiuteranno a superare i tuoi sentimenti di solitudine:

3. Fai dei piccoli passi

Se sei solo e isolato, inizia in piccolo. Lanciarsi nel profondo con altre persone potrebbe essere troppo opprimente, il che potrebbe portare all’autoisolamento. Per fare piccoli passi, svolgi i tuoi compiti quotidiani in luoghi dove ci sono persone. Se hai bisogno di portare a spasso il tuo cane, ad esempio, vai all’area cani locale dove potrebbero esserci altri proprietari di cani. Se hai bisogno di fare la spesa, fai due chiacchiere con le commesse. Se hai bisogno di allenarti di più, considera di iscriverti alla palestra locale. E così via.

4. Sostituisci i pensieri scortesi e coltiva quelli gentili

Quando ci sentiamo soli, è facile iniziare a rimproverare e criticare noi stessi. Potremmo pensare di essere “perdenti”, “reclusi”, “distrutti”, “rachitici”, “non avremo mai amici”, ecc. Se inizi a sentirti orribile con te stesso e scivoli nel disprezzo di te stesso , prova a trovare il pensiero di fondo. Quindi, sostituiscilo con qualcosa di più gentile come “Sono una persona premurosa e interessante e merito amici”, “Posso farlo”, “Va bene socializzare lentamente” o “Mi amo, qualunque cosa accada”. All’inizio potresti sentirti un po’ ridicolo, ma quando continui ad affermare lo stesso pensiero gentile, stai lentamente ricablando il tuo cervello. Questa è una pratica di amor proprio .

Uno dei modi più potenti per usare le affermazioni è attraverso qualcosa chiamato lavoro allo specchio . Per esercitarti con il lavoro allo specchio, trova uno specchio in casa e assicurati di avere un po’ di privacy. Mentre ti trovi di fronte allo specchio, fai alcuni respiri consapevoli e cerca di rilassare un po’ il tuo corpo. Guardati delicatamente negli occhi e ripeti la tua affermazione. Puoi dire la tua affermazione ad alta voce o nella tua mente, fai semplicemente ciò che ti fa sentire a tuo agio.

È normale provare forti emozioni mentre si fa il lavoro allo specchio. Per favore, permetti a te stesso di sentirli in modo aperto e non giudicante. Potresti anche abbracciarti mentre ti trovi davanti allo specchio. Dopo circa cinque o dieci minuti, termina la sessione di lavoro allo specchio. Ti incoraggio a praticare questi dieci minuti ogni giorno per due settimane e vedere come ti senti!

5. Pensa ai tuoi interessi e valori più profondi

Uno dei motivi principali per cui ci sentiamo soli è perché facciamo fatica a trovare altre persone che la pensano allo stesso modo. Il modo migliore per rimediare è sviluppare un po’ di autocomprensione. Cosa ti appassiona? Quali aree della vita ti interessano? Quali sono i tuoi sogni e valori? Quando rispondi a queste domande, sarai in grado di trovare piccole sacche della società che puoi esplorare e forse sentire un senso di appartenenza.

Ad esempio, se apprezzi molto i diritti degli animali e ami stare con i cani, perché non fare volontariato presso il tuo canile locale? Oppure potresti anche voler frequentare un corso di addestramento per cani nella tua comunità. Un altro esempio è l’arte e l’artigianato. Se ami creare cose, perché non iscriverti a un corso d’arte locale?

6. Fai volontariato

È bello aiutare le persone. Aiutare chi è meno fortunato di te può anche aiutare a mettere la tua vita in una nuova prospettiva. Per fare volontariato, prendi il tuo giornale locale o vai al sito web del tuo quartiere. Se non riesci a trovare nessun elenco di volontari, molto probabilmente la tua biblioteca locale o la casa di riposo accetteranno volontari. Se c’è un rifugio per senzatetto nelle vicinanze, puoi provare a fare volontariato anche lì.

7. Prendi un animale domestico (o coccola uno che hai già)

Molte persone che sperimentano la solitudine traggono grande beneficio dall’avere un essere da nutrire e di cui prendersi cura. Se non hai un animale domestico, perché non dai un’occhiata al tuo rifugio per animali locale? È molto più gentile dare una seconda possibilità a un animale che acquistarne uno dal negozio di animali. In alternativa, trova il tuo gatto, cane, coniglio, ecc. e dagli una grande coccola. L’abbraccio rilascia gli ormoni della felicità nel cervello e ti aiuta a sentirti calmo e rilassato. Gli animali sono anche potenti insegnanti nei loro modi unici.

8. Impara una nuova abilità o segui un corso di auto-aiuto

Un modo fantastico e produttivo per connettersi con gli altri è attraverso l’apprendimento di una nuova abilità. Ad esempio, se sei sempre stato interessato alla consulenza, perché non seguire un corso di consulenza? Se vedi un annuncio per una lezione di meditazione o yoga, perché non andare?

9. Vai a un gruppo di supporto

Se hai problemi di disabilità, malattia o salute mentale, prova a scoprire se ci sono gruppi di supporto nella tua comunità. È così bello essere visti e ascoltati. Avere qualcuno che tiene spazio per te può essere meravigliosamente nutriente e curativo. Se sei nervoso all’idea di andare, parla in anticipo con l’organizzatore. Assicurati che il gruppo sia riservato e non richieda una tua risposta a meno che tu non sia pronto a parlare.

10. Pratica l’auto-compassione e la cura di sé

Sentirsi soli può essere una delle cose più difficili che tu abbia mai attraversato. Sii attento a te stesso. Ascolta il più possibile i tuoi bisogni mentali, emotivi, fisici e spirituali. Praticare la cura di sé potrebbe essere semplice come prepararsi una tazza di tè rilassante , uscire nella natura o dormire a sufficienza. L’auto-compassione significa trattarsi con amore e comprensione. Se hai bisogno di aiuto, consulta il nostro articolo su come amare te stesso .

11. Crea una pratica spirituale

Prova a riconnetterti con la magia e la bellezza della vita. Anche se sentirsi soli può fare schifo, è un’esperienza che può effettivamente essere sfruttata per favorire la tua crescita spirituale. Alcune delle anime più sagge e illuminate della storia furono quelle che vissero lunghi periodi di solitudine. Inoltre, quando ti connetti con i tuoi spiriti guida , antenati e mentori archetipici , la sensazione di solitudine può spesso attenuarsi in modo significativo. Potresti anche voler connetterti con la tua Anima su base giornaliera attraverso la meditazione, il rituale, l’arte, la musica, la preghiera , l’immersione nella natura o altre pratiche sacre che ti attraggono.

12. Diario su come ti senti

Annotare i tuoi pensieri e sentimenti è un modo meraviglioso per creare un po’ di chiarezza interiore. Quando ci sentiamo soli, è normale avere un eccesso di energia perché non abbiamo molte persone con cui parlare. Cerca di espellere parte di quell’energia attraverso la scrittura. Non è necessario essere uno scrittore di talento per scrivere nel diario. Esprimi semplicemente tutto ciò che senti in modo non filtrato. L’inserimento nel diario può essere una grande catarsi, in particolare quando provi un’intensa solitudine o disperazione.

13. Lavora con il tuo bambino interiore

Se provi una solitudine cronica (che dura da anni), è probabile che tu abbia subito un trauma significativo da bambino. Puoi leggere il nostro articolo sul lavoro del bambino interiore per iniziare. Ma quando si tratta di traumi, è meglio trovare un consulente o un terapeuta che ti aiuti a superare il tuo dolore. Si prega di considerare seriamente questa opzione in quanto può avere un impatto estremamente positivo e trasformativo sulla tua vita.

Forse uno dei modi più semplici per aiutarti con i tuoi sentimenti di solitudine è riconoscerne l’umanità condivisa. Quello che stai vivendo fa parte della condizione umana. Milioni di persone in tutto il mondo hanno solo il gatto o la TV per compagnia o, peggio, niente e nessuno.

Non sei solo . Non sei malato . E sì, c’è speranza .

In molti casi, essere soli può essere una cosa positiva in quanto ti aiuta a sentire meglio la voce della tua anima. Ma se sta diventando troppo per te, connettiti con la tua fonte di potere interiore (il tuo guerriero). Puoi anche leggere la storia dei due lupi per ulteriore ispirazione. Comprendi che hai un guerriero dentro di te e puoi farcela attraverso qualsiasi cosa la vita ti metta addosso.

Spero che le pratiche di cui sopra aprano nuove strade per te.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Vite precedenti storie vere
Storie di vite precedenti – Parte prima

In questo articolo condividerò alcune esperienze di persone che ho guidato nelle vite precedenti durante varie sessioni di guarigione karmica. Tutte queste esperienze sono reali.