fbpx

Qual è il significato della vita? (Risposte approfondite)

Significato della vita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Qual è il significato della vita? Siamo terrorizzati dalla domanda e, allo stesso tempo, follemente eccitati da essa.

È una domanda secolare e primordiale nel cuore di tutta l’umanità.

Che senso ha passare attraverso tutte queste esperienze, molte delle quali dolorose? Perché siamo nati? Oppure, perché moriamo? PERCHÉ esiste tutto questo?

Se sei arrivato su questa pagina, probabilmente sei ad un bivio nella vita. Potresti sentirti perso e completamente senza un’idea di quale sia la tua vera chiamata.

Forse hai cercato per anni, ma nulla ti è mai sembrato “adatto” o giusto. O forse, hai iniziato la ricerca solo di recente e ti senti completamente bloccato, sopraffatto e depresso.

La verità è che nel profondo, vuoi che la tua vita significhi qualcosa. Vuoi dedicare il tuo tempo a fare ciò che ami. Ma come?

Da DOVE inizi?

Voler sapere qual è il significato della vita può essere paragonato all’apertura di una gigantesca voragine piena di inquietanti incognite: una domanda dopo l’altra viene fuori. Molto presto, siamo rannicchiati in un angolo, martoriati dai colpi di crisi esistenziali.

Macabro? Forse. Ma è altrettanto vero che, per molti, ciò che ho citato, non è nemmeno la metà dello sconforto interiore che si prova di fronte a tale mistero.

Chiedendosi “qual è il significato della vita?” ci si pone spesso al centro di esperienze umane tormentate e tristi come la Notte Oscura dell’Anima, crisi d’identità e depressione esistenziale. A volte, più cerchiamo risposte, più ci sfuggono, lasciandoci irrimediabilmente disorientati e vittime della vita.

In questo articolo, ho intenzione di aiutarti a muoverti attraverso queste emozioni complesse e frustranti (al meglio delle mie capacità). Entro la fine di questo articolo dovresti:

  • Essere in grado di comprendere la differenza tra significato e scopo della vita
  • Possedere un maggior senso di chiarezza
  • (Spero) provare un senso di sollievo
  • Scoprire cosa fare della tua vita successiva e come

La principale differenza tra significato della vita e scopo della vita

Persone di ogni estrazione sociale condividono una spinta innata per significato della vita, direzione e scopo. Questa spinta a comprendere il nostro scopo di vita sembra importante per la nostra crescita psicologica, tanto quanto mangiare è per la nostra sopravvivenza biologica.

Probabilmente usi questi termini in modo intercambiabile – e hai sentito gli altri fare allo stesso modo – ma significato e scopo non sono la stessa cosa.

È importante fare chiare distinzioni qui perché altrimenti il ​​nostro “qual è il significato della vita?” diventerà rapidamente un’esplorazione molto contorta.

Ecco come distinguo i due:

Il significato della vita è nella mente – è una filosofia, un’idea o convinzione che attribuiamo alle nostre vite. È soggettivo. È qualcosa che crei.

Lo scopo della vita è innato – è “programmato” in noi a livello centrale. È oggettivo. È qualcosa che realizzi.

Ha senso?

Quando parliamo del significato della vita spesso confondiamo e scambiamo il soggettivo con l’oggettivo (o il personale con l’impersonale). Ecco perché può sembrare che i nostri cervelli siano stati sottoposti a un frullatore quando ci avviciniamo a certi argomenti.

Ancora una volta, per chiarire:

Il significato è soggettivo. Viene dalla mente. Dipende dai tuoi gusti, desideri, obiettivi e sogni personali.

Lo scopo, invece, viene dallo Spirito. È programmato in noi. Dentro le nostre stesse cellule. È scritto in ogni destino.

Ora che l’abbiamo chiarito, qual è il significato della vita? E cosa comporta questo per te ? Esploriamo il passo successivo:

Qual è il significato della vita?

Quindi … qual è il significato della vita? Per dirla semplicemente, il significato stesso è molto personale e vario. È qualcosa che emerge dalla tua anima come una chiamata profonda.

Per una persona, il significato nella vita potrebbe essere quello di crescere i bambini, per un’altra, il significato potrebbe essere quello di creare un ente di beneficenza, allevare cavalli, diventare un artista di fama mondiale, vivere fuori dagli stereotipi, scrivere un libro, insegnare agli altri, meditare profondamente, viaggiare per il mondo e così via.

Il tuo significato può essere risoluto o può cambiare.

Alla fine, la tua essenza principale (il tuo cuore, la tua anima) conoscerà il tuo vero significato della vita.

Per trovare il tuo significato, dovrai fare qualche ricerca nell’anima. Dovrai capire te stesso, i tuoi doni e le tue debolezze, le tue passioni e i tuoi interessi. Questo è un processo emozionante che può anche essere frustrante e scoraggiante se la voce della tua anima viene soffocata dallo stress della vita quotidiana.

Esploreremo come trovare il tuo significato nella vita un po’ più avanti.

Ma prima:

Qual è lo scopo della vita?

Lo scopo della nostra anima è già lì, dentro di noi. Come ho detto sopra, lo scopo della vita è più oggettivo. In altre parole, non è qualcosa che dobbiamo creare o trovare. Piuttosto, è qualcosa di cui ci rendiamo conto o con cui ci sintonizziamo.

Poichè è già lì, è già intrinseco e innato dentro di te, non c’è bisogno di andare a caccia di nulla. E questo è già un sollievo.

Qual è questo scopo innato della vita?

In senso terreno, il nostro scopo è lo stesso di tutto ciò che vediamo intorno a noi: crescere, cambiare ed espandersi. Guarda le piante, gli animali e gli alberi; tutti attraversano cicli di metamorfosi. Anche i pianeti attraversano cicli, così come le stagioni. E l’Universo si sta espandendo in ogni momento! Anche noi siamo destinati a passare attraverso questi cicli di espansione.

Ma è tutto qui?

Gli scettici sulla dimensione spirituale della vita griderebbero un cordiale “sì!” Ma non ho ancora conosciuto nessuno che sia riuscito ad essere 100% materialista per più di 5 minuti di seguito. Dirlo è un’altra cosa.

Perché ridurre la complessità della vita a una visione meccanicistica? Ho sperimentato personalmente la dimensione spirituale della realtà molte volte, e questo è abbastanza per me. E così anche per altri milioni di persone sin dall’alba dei tempi.

Personalmente, credo che il nostro scopo nella vita sia quello di maturare su TUTTI i livelli: fisico, mentale, emotivo e spirituale. Il processo di risveglio spirituale è un’espressione di quel cammino di maturazione: le nostre anime si stanno espandendo e crescendo proprio come le galassie. E come la gravidanza o il parto, questa crescita può essere un processo doloroso. Ma fa parte dello scopo della vita.

Far crescere l’Anima

Come ho compreso durante il viaggio della mia vita, lo scopo della nostra incarnazione umana è, in realtà, far crescere un’anima. Come la creazione di un corpo durante nove mesi di gestazione, anche la creazione di anima è un processo. Perché, sebbene siamo nati con essa, la nostra anima continua a svilupparsi con ogni esperienza di vita.

Le nostre sofferenze sono semplicemente le secrezioni che aumentano la sua lucentezza, come una perla dentro un’ostrica. Fare anima è il processo di una vita, o di diverse vite. Mistici, santi e sciamani di epoche passate e di oggi, da luoghi lontani e vicini, si riferiscono a questo soggiorno eterno in molti modi. Ma, qualunque sia il termine usato, implica un impegno consapevole con il nostro vero potenziale, come partner divini nella creazione. Questo è ciò che significa “far crescere un’anima”. Questo è ciò che significa comunicare con la nostra natura essenziale.

A livello metafisico, la questione potrebbe essere: “Verso che cosa ci stiamo muovendo?” Qual è il traguardo di tutto questo viaggiare un po’ giogioso e un po’ doloroso?

Questo è un argomento complesso ma, in poche parole, il nostro scopo metafisico è di unirci con la Vita / Coscienza Universale, per diventare tutt’uno con il Divino. Le antiche tradizioni spirituali in tutto il mondo hanno concordato e fatto riferimento a questo con molti nomi: Illuminazione, Autorealizzazione, Paradiso, Unità, Nirvana, Beatitudine, Integrità, Moksha, consapevolezza non duale, Buddità e così via.

Come ci arriviamo?

Questo è un argomento per un altro articolo. Ma c’è una moltitudine di percorsi spirituali e religiosi che si adatteranno in base al tuo livello di maturità mentale / emotiva / spirituale. La meditazione è un percorso comune e raccomandato. Il lavoro interiore è un’altra potente pratica su cui ci concentriamo fortemente in questo sito Web. È una pratica non dogmatica che può essere integrata in qualsiasi sistema di credenze. La guarigione e la trasformazione interiore che può produrre è piuttosto sorprendente.

Come trovare il tuo significato della vita

La vita non ha significato. Ognuno di noi ha un significato che attribuisce alla vita. È uno spreco porre la domanda quando sai la risposta.

Finora abbiamo stabilito la chiara differenza tra qual è il significato della vita rispetto allo scopo.

Come abbiamo visto, il significato è soggettivo, è altamente personale, è qualcosa che la tua anima si sente chiamata a fare o creare.

Per trovare il tuo significato nella vita, devi imparare a trovare te stesso. Dovrai fare qualche ricerca nell’anima.

Se non hai idea di come farlo, ecco alcuni semplici percorsi:

1. Ripensa a ciò che amavi fare da bambino

Il tuo bambino interiore è il tuo sé originale, la prima versione di “te” che è entrata nel mondo. Detiene un’enorme quantità di saggezza che sta solo aspettando di esprimersi.

Da bambini, non avevamo lo stesso livello di bagaglio, condizionamento sociale o paure che, da adulti, ci trasciniamo ovunque. Quando eri un bambino, eri attratto dalle cose che ti davano più gioia. Gli indizi più interessanti si trovano nelle attività che hai fatto di più da bambino.

Forse ti piaceva leggere molto, costruire cose, vestire le tue bambole, prenderti cura dei tuoi giocattoli, arrampicarti sugli alberi, parlare con i tuoi animali domestici, fingere di essere un ufficiale di polizia, costruire regni immaginari e così via.

Prenditi del tempo per riflettere attentamente su ciò che ti è piaciuto di più fare. Crea un diario e prendi delle note. Cerca le attività che hai svolto per il più lungo periodo di tempo e in modo più coerente. La risposta potrebbe non saltarti immediatamente in faccia, ma pensa a quale è stato il cuore e il nucleo dell’attività che hai fatto. Da quale qualità sei stato maggiormente attratto?

2. Esplora la tua personalità

So che può sembrare banale, ma gli strumenti per individuare i tratti della tua personalità, come l’enneagramma o gli archetipi, sono meravigliosi. Inoltre, sono divertenti! Non solo impari a conoscere i tuoi punti di forza e di debolezza, ma cresci nell’autocomprensione in pochi minuti.

3. Espandi i tuoi orizzonti mentali

Tutti abbiamo un “cerchio di competenza”. Ciò significa che tutti abbiamo alcune cose di cui siamo davvero ben informati e altre cose di cui non lo siamo.

Espandere i tuoi orizzonti mentali significa ampliare il tuo circolo di competenza. Questo potrebbe significare esplorare un argomento di cui non sai letteralmente nulla . Questo potrebbe anche significare approfondire un’area di cui sei sempre stato segretamente curioso ma che non hai mai affrontato (per una ragione o per l’altra).

Prenditi un momento per pensare a cosa ti piacerebbe sapere se ti fosse data la possibilità. Quale primo pensiero ti viene in mente? Qualunque sia quel pensiero, rivela il posto in cui devi andare. Anche se ti senti sciocco, sii un esploratore. La ricerca dell’anima non è sempre comoda o rilassante. Ma è incredibilmente imprevedibile e può essere estremamente illuminante, soprattutto se vuoi trovare il tuo significato della vita.

4. Pensa a cosa ti ha insegnato la vita

A ognuno di noi viene data una serie di esperienze nella vita. Le esperienze sono neutrali. Non hanno significato. È il modo in cui interpretiamo tali esperienze che dà loro un significato. Le interpretazioni delle esperienze modellano le nostre credenze e teorie sul mondo. Le nostre credenze e teorie, a loro volta, determinano ciò che osserviamo nel mondo per confermare le nostre credenze, che, a loro volta, rafforzano le nostre interpretazioni.

Alla fine, la risposta a “qual è il significato della vita?” si riduce a come pensi e interpreti la vita. Hai mai pensato alle esperienze che hai avuto? Hai mai dato loro un significato più alto? In caso contrario, è tempo di farlo.

Uno dei modi più potenti per trovare il tuo significato della vita è quello di riflettere sull’intera linea temporale della tua vita. Quali sono stati i massimi alti e bassi? Quali successi e tragedie ti sono capitati? E soprattutto, cosa ti hanno INSEGNATO?

Se riesci a rispondere a questa singola domanda (“cosa ti hanno insegnato tutte le tue esperienze di vita?”) E ad avere una prospettiva più elevata, potresti trovare il tuo significato della vita. Ad esempio, se credi che tutte le tue esperienze ti abbiano insegnato ad arrenderti e lasciarti andare, potresti interessarti allo studio del buddismo zen e dare quel significato alla tua vita. Se hai imparato che tutte le tue esperienze ti hanno insegnato l’importanza di attenersi alla tua verità, potresti diventare un sostenitore di qualcosa.

Ha senso? È una tecnica di ricerca dell’anima semplice ma potente.

5. Visualizza te stesso sul tuo letto di morte

Questa attività può inizialmente sembrare macabra, ma contiene al suo interno il seme della vera intuizione. Quando la morte è alle porte, tutto diventa chiaro, cristallino, prezioso. Non c’è tempo da perdere e le scelte che abbiamo fatto nella vita danzano davanti ai nostri occhi.

Per questa attività, dovrai mettere da parte cinque o dieci minuti. Entra in una stanza tranquilla e buia. Potresti persino indossare una maschera per dormire o una benda in modo che la tua vista diventi nera come la pece. Se vuoi metterti in una mentalità ancora più profonda, puoi suonare un po’ di musica triste o eterea in sottofondo. (E nel caso in cui ti senti troppo a disagio, assicurati che qualcuno sia in casa con te).

Ora, una volta che sei pronto, immagina di essere sdraiato sul tuo letto di morte. Stai riflettendo su tutto ciò che hai fatto nella tua vita. Quando pensi ai tuoi più grandi successi, cosa ti viene in mente? Cosa sei più felice di aver fatto, praticato o sviluppato? Non essere modesto qui. Pensa a qualcosa di semplicemente straordinario che hai fatto.

Se non ti viene in mente nulla, puoi sempre tornare a questa attività in un secondo momento (forse la mattina presto o la sera tardi). Quando sei pronto per interrompere la visualizzazione, senti il tuo corpo, allunga le gambe e le braccia e togliti la benda. Prendi in considerazione l’inserimento in un diario della tua esperienza: sarà estremamente utile ricordarla.

6. Pratica il lavoro interiore

Perché facciamo fatica a trovare il significato delle nostre vite? Uno dei motivi è che siamo emotivamente o psicologicamente bloccati.

Potremmo soffrire di insicurezza, scarsa autostima o tendenze autodistruttive generali. Potremmo essere intrappolati nelle fosse di una crisi esistenziale , una relazione tossica, una dipendenza o un problema di salute mentale. Potremmo anche aver sperimentato un risveglio spirituale così forte che la nostra vita sembra sciogliersi attorno a noi – e non sappiamo come rimettere insieme i pezzi di noi stessi.

Un modo per creare armonia interiore, equilibrio e integrità è attraverso una pratica nota come lavoro interiore. Il lavoro interiore è la pratica mentale, emotiva e spirituale di esplorare il tuo io interiore. Si tratta di acquisire conoscenza di sé, imparare ad amare se stessi, lavorare attraverso le proprie convinzioni fondamentali e maturare (o individuarti) come essere umano.

Per chiunque sia alla ricerca dell’anima, il lavoro interiore è una pratica vitale. Può essere fin troppo facile sfogliare la superficie della vita senza andare più in profondità. Ma qualunque cosa sia sepolta dentro di te alla fine affiorerà, prima o poi. Il lavoro interiore riguarda l’esplorazione e il lavoro con le diverse sfaccettature del nostro io interiore.

I tre principali tipi di lavoro interiore che raccomando sono l’amore di sé , il lavoro sul bambino interiore e il lavoro sull’ombra.

7. Pensa al tipo di significato che ti serve in questo momento

Il significato della vita differisce da uomo a uomo, di giorno in giorno e di ora in ora. Ciò che conta, quindi, non è il significato della vita in generale, ma piuttosto il significato specifico della vita di una persona in un dato momento.

È vero quel vecchio detto “se un uomo trova un PERCHÉ, può sopportare qualsiasi COME”. Furono gli uomini a costruire i forni a gas di Auschwitz, fu anche l’uomo a marciare su di loro con la testa alta e un canto di preghiera nelle labbra.

Il significato non è qualcosa di solido, ma fluido, mutevole. Dobbiamo concentrarci sulla ricerca del nostro significato della vita in questo momento. E per come la vedo, ci sono tre tipi di significato nella vita:

Il primo è un significato in realizzazione o risultati, in cui ci sentiamo appagati nel completare compiti, obiettivi e sogni. Il secondo è il significato che troviamo in valori come la lealtà che proviamo per una nobile causa o la compassione che una madre prova nei confronti del figlio. Infine, il terzo è un significato di sofferenza in cui abbracciamo una sorta di atteggiamento per giustificare le circostanze, vale a dire “questo mi renderà una persona forte.”

Ricapitolando:

  1. Significato in risultati e obiettivi
  2. Nei valori (ad es. Amore, amicizia, comunità, lealtà, coraggio)
  3. Nella sofferenza (un atteggiamento / convinzione sul perché stiamo vivendo qualcosa)

Pensa a dove sei attualmente nella vita. Che tipo di significato ti serve di più? Rifletti sui sentimenti più dolorosi che provi su base regolare: questo sarà il modo di trovare il tipo di significato di cui hai bisogno.

Ad esempio, se si soffre di noia, affaticamento o svogliatezza, potrebbe essere necessario trovare il primo tipo di significato (risultati / obiettivi).

Se soffri di sentimenti di infelicità generale, solitudine o desiderio specifico di qualcosa, potresti aver bisogno del secondo tipo di significato (valori).

E se stai attraversando un periodo intensamente doloroso della vita che è caratterizzato da ansia, depressione, dolore, disperazione e altre forme forti di emozioni, potresti aver bisogno del terzo tipo di significato (atteggiamento / convinzione sulla sofferenza).

In conclusione

Ci vogliono sei milioni di granelli di polline per seminare una peonia e il salmone ha bisogno di una vita di nuoto per trovare la strada di casa, quindi non dobbiamo essere allarmati o scoraggiati quando ci impieghiamo anni per trovare l’amore o anni per capire la nostra vocazione nella vita.

Non c’è gara qui. Troverai il tuo significato nel tuo tempo libero. E ricorda, il tuo significato può rimanere lo stesso o può cambiare man mano che maturi. Non esiste un manuale di regole ferree qui. Pochissime persone si svegliano un giorno e gridano “OH! Finalmente conosco il mio indiscutibile significato della vita! ” È più simile a una festa disordinata, in cui mangi una cosa e la butti via fino a trovare qualcosa che alla fine ha un sapore davvero piacevole.

Potresti essere arrivato a questo articolo desiderando una risposta definitiva al famigerato “qual è il significato della vita?” Ma il fatto è che il tuo significato è parte della tua stessa creazione. Il tuo significato nasce dalle profondità del tuo cuore e della tua anima. Per ascoltarlo, devi trovare il modo di andare verso l’interno, di ascoltare attentamente. Spero sinceramente che le attività di cui sopra ti possano aiutare a farlo.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Categorie prodotto

Altri contenuti che potrebbero interessarti:

Ipnosi regressiva dove farla
Ipnosi regressiva dove farla

Ipnosi regressiva dove farla? Sicuramente ti stai ponendo questa domanda da un po’ di tempo. Soprattutto per avere la certezza di trarre il beneficio massimo