fbpx

Bisogno ossessivo di approvazione: i pericoli dell’essere “troppo gentili”

Bisogno di approvazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Senti la pressione pulsare nelle vene. Un nodo ti sale in gola mentre i tuoi colleghi ti osservano da vicino. Si aspettano che tu sia coerente con la tua ormai nota disponibilità. Si aspettano che tu rispetti la tua fama di altruista. Ogni fibra del tuo essere vuole urlare “NO, NON POSSO”. Ma, come se fossi posseduto, automaticamente sorridi e dici: “Sì, lo farò, grazie per avermelo chiesto”.

Ma cosa sta succedendo qui?! Perché non puoi semplicemente dire “no” e andartene?

Se sei come molti, il bisogno piacere a tutti i costi alle persone ha creato scompiglio nella tua vita. Ha schiacciato il tuo spirito ripetutamente. Ti ha privato della tranquillità, del potere personale e del coraggio di seguire i tuoi obiettivi e i tuoi sogni. Ti ha colpito mentre eri a terra e ti ha trascinato nel fango. Potrebbe anche aver contribuito a problemi cronici nella tua vita come disturbi d’ansia, depressione, dipendenza affettiva, frammentazione ecc.

Quindi cosa è esattamente il bisogno di piacere a tutti… e come possiamo curarne la causa alla radice?

16 abitudini dei tipi di personalità che “piacciono”

Ad un certo punto o in un altro della nostra vita, abbiamo tutti lottato con il bisogno di piacere o compiacere. Dopotutto, come creature sociali, siamo inclini alla pressione dei pari e al desiderio di adattarci. Ma c’è una grande differenza tra il desiderio di accettazione e il bisogno costante di approvazione. Il desiderio di piacere a tutti i costi non è solo una mania occasionale: è una lotta quotidiana.

Ecco 16 abitudini comuni:

  • Fai fatica a dire “no”
  • Trovi difficile prendere posizione e dare voce alle tue opinioni
  • Sei ipersensibile sul rifiuto percepito dagli altri
  • Hai paura delle emozioni negative
  • Sei eccessivamente altruista (imponi il tuo aiuto anche a chi non ne ha bisogno)
  • Spesso soffri a scapito di fare un favore agli altri
  • Hai un debole senso di te stesso e scarsi confini interpersonali
  • Diventi emotivamente dipendente/co-dipendente quando sei nelle relazioni/amicizie
  • Sei dipendente dall’approvazione degli altri
  • Hai un desiderio nevrotico di piacere a qualunque costo
  • Ti senti distrutto per giorni o settimane quando qualcuno ti critica
  • Hai poca autostima
  • Agisci in base a ciò che “gli altri pensano” di te
  • Ti metti sempre nei panni degli altri, ma raramente mostri compassione verso te stesso
  • Credi ciecamente nella “bontà” degli altri anche se sono chiaramente offensivi nei tuoi confronti
  • Hai paura di perdere il controllo di te stesso

Si dice anche che il piacere alle persone possa formare un ponte verso altre condizioni come il disturbo borderline di personalità e il disturbo d’ansia sociale .

Perché essere “troppo gentili” può essere pericoloso

Ovviamente non c’è niente di male nell’essere gentili. Ma avere il desiderio compulsivo di essere gentili è pericoloso per una serie di ragioni. Ecco perché:

1. Ti induce a sopprimere MOLTE emozioni

Inevitabilmente, il desiderio di essere amati e cercare continuamente di capire ciò di cui hanno bisogno gli altri, porta a sopprimere tonnellate di emozioni spiacevoli. Sto parlando di rabbia, odio, amarezza, fastidio, dolore e stress – tutto ciò che è contrario all’immagine altruistica che desideri mostrare in pubblico. Potresti non essere consapevole di reprimere questo tipo di emozioni, ma ciò non cambia di molto il risultato e, prima o poi, ti tocca fare i conti con la nuda realtà. Non puoi darti interamente alle altre persone, negarti e aspettarti di sentirti bene e impeccabile a lungo termine.

La soppressione delle emozioni alla fine porta a guasti fisici o psicologici. Molte malattie mentali e fisiche croniche sono alimentate dal desiderio incontrollabile di compiacere gli altri.

2. Estrema pressione per “mantenere le apparenze”

Una delle cose peggiori dell’essere costantemente gentili è l’estrema pressione che devi sostenere per mantenere costantemente l’immagine di te stesso. È bello stare costantemente dalla parte “buona” delle persone. È bello evitare i sentimenti negativi e ottenere l’appellativo di santo. Ma questa dipendenza ha un prezzo: lo stress cronico. Spesso quello stress è impercettibile, ma è sempre lì, chiedendoti costantemente di tenere la maschera allacciata anche se potrebbe soffocarti.

3. Le persone ti usano

Quando hai bisogno dell’approvazione altrui, ti esponi agli abusi. Narcisisti, vampiri energetici, bulli e altri tipi di persone ferite sono attratti da te come mosche sul miele. Avere confini deboli, bassa autostima e l’insaziabile desiderio di compiacere ti rende il perfetto bersaglio per “uso e abuso” di approfittatori. E, inconsciamente, ti piace sentirti necessario e desiderato, quindi inconsapevolmente alimenti il ciclo tossico.

4. Hai l’intenso bisogno di avere il controllo

All’inizio, il piacere alle persone potrebbe sembrare un atto disinteressato. Ma accontentare le persone è in realtà un atto egoistico perché stai cercando di controllare la reazione di qualcun altro nei tuoi confronti comportandoti in un certo modo.

In effetti, il piacere alle persone riguarda più il desiderio di avere il controllo piuttosto che quello di compiacere. Voler piacere agli altri è solo un sintomo del desiderio di avere il controllo perché in fondo ti senti impotente o inutile. Questo è il motivo per cui il piacere alle persone è così estenuante: va contro il flusso della vita e richiede così tanti sforzi per mantenerlo.

5. Nessuno conosce veramente il “vero” te

Tenere così tanto a lungo una maschera per paura di essere disapprovato ti rende estremamente guardingo. In effetti, se sei un amante dall’approvazione altrui potresti temere, ad esempio, di bere in compagnia, perché tutti i pensieri e le opinioni segreti che hai potrebbero venire a galla. In altre parole, non avrai più il controllo di te stesso.

Quando sei un “simpatico a tutti i costi”, nessuno conosce veramente il vero e autentico te – conoscono solo la facciata con cui ti presenti. Sfortunatamente, questo desiderio di essere amato e approvato spesso ti si ritorce contro, facendoti sentire più solo e disconnesso col passare del tempo. Alla fine, finisci per sentirti “invisibile” e “non visto”, anche se sei costantemente sotto i riflettori.

Come liberarsi dal bisogno ossessivo di piacere a tutti

Naturalmente ti starai chiedendo in questo momento: “Cosa posso fare per fermare questa abitudine?”

Lascia che te lo dica, ci sono così tanti cattivi consigli là fuori. E la soluzione per superare questa dipendenza (perché lo è), NON consiste nel fare il dito medio a tutti.

Non approvo l’approccio “vaffanculo” perché è immaturo e reattivo.

Invece, raccomando l’approccio più difficile ma più saggio di:

Come qualcuno che ha aiutato centinaia di persone a rimodellare questo schema tossico, so quanto possa essere autodistruttivo questo tratto. A causa di questo bisogno di essere accettato dagli altri, si soffre per anni di intensi periodi di ansia e dolore cronico, per non parlare delle tonnellate di emozioni represse.

Ma il primo passo per superare questo problema è spostare il tuo punto focale dal mondo esterno, al mondo interno. Alla fine, con il tempo e la pratica, sarai in grado di dire sinceramente e apertamente “Io sono abbastanza per me stesso”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere subito un omaggio! Aggiornamenti e nuove risorse gratuite ogni settimana:

I tuoi dati verranno trattati nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di Privacy. Puoi cancellarti dalla newsletter in qualsiasi momento. Per ulteriori dettagli puoi consultare la nostra Informativa sulla Privacy

Altri contenuti che potrebbero interessarti: